Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Areamag: "Si salvi chi può"
Si salva chi può ... ascoltarlo!
di Corrado Sciò


Ascolti collegati


Samuel Katarro
Beach Party

Giubbonsky

Storie di non lavoro

Alessandro Fiori
Attento a me stesso

Evasio Muraro
Canzoni per uomini di latta


Le luci della centrale elettrica
Canzoni da spiaggia deturpata


Giancarlo Frigieri
Chi ha rubato le strade ai bambini?

Tracklist

1 Io Non So Stare Al Mondo
2 L’omino
3 La Discarica
4 Tana Libera Tutte
5 Bombino
6 Appartamento In Centro
7 Tombino
8 La Bottega Delle Ombre
9 Cattivo
10 L’ascensore
11 Cara
12 Feisbum
13 Vaticano
14 Si Salvi Chi Puo’ (+ Ghost Track)



I bambini vivono male nel mondo degli adulti e gli adulti sono bambini calpestati dal potere. In ogni brano incombe un’antinomia che non è prettamente filosofica, ma è materialisticamente storica piuttosto .
Nessuno si salva dalle convenzioni stesse, le convenzioni stesse saranno inghiottite dal pianeta, l’ora dei giochi non è ancora iniziata e per la manodopera minorile sfruttata dalle multinazionali “10 ore di pallone fanno male”.

Gabriele Ortenzi in arte Areamag è un personaggio che adopera la bizzarria del linguaggio satirico con dovizia accademica, in equilibrio fra il sarcasmo e il collasso dei tempi. Il fatto che per descrivere i “Pappagalli Verdi” venuti alle cronache grazie all’omonimo libro di Gino Strada, l’autore si adoperi in una passeggiata dai ritmi equosolidali in un percorso antropologico ( che spiega chiaramente che mentre i soggetti rimangono intonsi e uguali a se stessi in ogni contesto, le culture dispongono i significati, decidendo il vissuto e delineando le differenze che passano fra i bambini, a seconda della sfortuna che hanno avuto nel nascere in un paese non industrializzato o in una mignottocrazia), ci consegna parecchi motivi per custodire gelosamente questo disco.

Se chiedi a un bambino occidentale di parlarti delle cicale, ti dirà che cantano, se chiede di raccontarlo ad un bambino asiatico ti dirà che le cicale si mangiano, allo stesso tempo se chiedi di farlo ad un bambino africano ti dirà che rovinano il raccolto. Questo tipo di paradigma e questa diversa chiave di lettura che coinvolge lo stesso soggetto in culture diverse, non solo è valida per spiegare il mondo degli adulti ma è storicamente indispensabile per illustrarne il pensiero.

Nei brani più inflazionati e popolarmente conosciuti come “Appartamento in centro”, “Vaticano”, “Feisbum” si consumano apologie continue di una realtà mediatica costruita talmente male da essere quasi compatita da noi poveri spettatori. Espressioni come “Rogito ergo sum” o “Chissà se un giorno dietro al Papa metteranno il marchio di uno sponsor, come è capitato già a Kakà?” o “Sei il cinquecentocinquantamillesimo amico di Gigi D’Alessio, che culo!” riducono il mondo dell’infanzia e quello dell’infantilismo (spesso genitoriale) ad una richiesta di aiuto: qualcuno si occupi degli infantili che vorrebbero occuparsi degli infanti.

In ogni brano c’è un bambino che subisce una violenza, un bambino di 12 o di 56 anni, entrambi devono salvarsi da un genitore, l’uomo riuscirà a salvarsi dalla Natura? A giudicare dai brani “La discarica” e da “Si salvi chi può” non è che si abbiano troppe speranze. Forse è meglio salvare la Natura dall’uomo… cosa impossibile… certamente più facile!

Crediti:
Gabriele Ortenzi: voce, pianoforte preparato e impreparato, chitarra classica, preparata e acustica, organo, sintetizzatori, flauto africano, mollofono, theremin, glockenspiel, toypiano, catena, zuccheriera, tamburello, timpani a mano, fischio, grate, sonagli, rullanti, fruste e percussioni, programmazioni ed elaborazioni. Gianluca Alessi: chitarra elettrica, acustica, elaborata, preparata e mistica, mandolino, fantasmino su “Cara”, colpo di tosse in un brano. Claudio Sbrolli: batterismo a 360°. Sergio Scherillo: contrabbasso, basso elettrico e girovita. Raffaele Pinelli: organetto. Elisa Rossi: voce e coro in “Vaticano”. Valentina Tramacere: coro gospel in “Feisbum”. Marco Rinalduzzi: chitarra elettrica in “Feisbum”. Pericle Odierna: tromba, clarinetto, cleofono, genis, contrabbasso ad arco. Andrea Ruggiero: violino in “Tombino”. Andrea Minichilli: violini in “L’ascensore” e “Vaticano”.

T esti e musica di Gabriele Ortenzi
Grafica: Claudio Appetito & Marina di Furia
Foto: Mauro Mancini


Areamag
"Si salvi chi può"
Autoprodotto - 2010
Sul sito

Su Bielle

Sul web
MySpace

Ultimo aggiornamento: 16-12-2010
HOME