Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Arangara: "Terra di mari"
Dalle radici alla canzone d'autore
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Parto delle nuovole pesanti
Magna Grecia

Pnp e Claudio Lolli
Ho visto anche degli zingari felici

Cantodiscanto
Malmediterraneo

NCCP
La voce del grano

Ethnos
O bannu

Domenico Fiumanò
Il biciclettista

Musicisti:
Salvatore Gerace: tamburi a cornice, organetto, zampogna, marranzano, lira calabrese;
Cinzia Liuzzi: : voce, cori, tamburi a cornice, shaker;
Febo Nuzzarello: chitarra classica
Francesco Panarese: batteria, percussioni;
Massimiliano Paternò: basso elettrico;
Giuseppe Presicce: violino;
Gianfranco Riccelli: chitarre, mandolino, armonica, voce.

Testi e musiche: Piero Sidoti

Tecnici del suono e mastering: Giovanni Garoia e Andrea Bondi
Direzione artistica: Giovanni Garoia e Andrea Bondi
Registrato in Bologna presso il Centro Musicale PocArt nel marzo 2010.
Grafica e disegno di copertina: Merilia Ciconte
Trascrizione musicale: Enrico Dovico
Promosso da: Musica nelle Aie
Etichetta Discografica: Galletti-Boston


Tracklist

01. Novella scura
02. Il sogno di volare
03. La ballata della luna
04. Nemmeno tu
05. A Pippa
06. Sed libera
07. Stracci e dicerie
08. Mio caro presidente, se leggete
09. Siltango
10. I musicanti di Carlo Lucarelli
11. Rinnina
12. Terra di mari



Non brevissima e neanche istantanea la carriera degli Arangara. Che peraltro con il Nescafé non hanno nulla a che spartire. Nati attorno al 2005 per iniziativa o sotto l'impulso di Gianfranco Riccelli, cantautore calabrese, sono un gruppo che fin dalle origini hanno cercato di coniugare, in una miscela originale, canzone d'autore e musica popolare. Gli esisti sono stati da subito convincenti, ma in questo "Terra di mari" pare ci sia stato uno scatto in più ed ecco che la canzone popolare, la tarantella viene a convivere con i testi di Claudio Lolli, Carlo Lucarelli, Pierangelo Bertoli, Andrea Buffa e quelli dello stesso Riccelli. Il risultato è sotto le orecchie di tutti: un album che da un lato fa venire voglia di muovere le gambe e le anche e dall'altro spinge a stare ad ascoltare le belle melodie e testi che mai sono di piccolo momento.

Facile o difficile stabilire le fonti? Da un lato c'è l'attitudine della Nuova Compagnia di canto popolare per il recupero del dialetto e delle musiche che, pur originali, richiamano quelle della tradizione. Dall'altro ci sono rapporti con ensamble più moderni che hanno tentato la strada della contaminazione, anche se questi ultimi gruppi generalmente hanno concentrato la loro attenzione nel crossover delle culture e delle musiche transmediterranee. Gli Arangara preferiscono restare in Italia, ma offrono spazio e storie sui cui riflettere, anche se, pare, dal vivo lo spettacolo, che si ibrida anche con la danza, raggiunga dimensioni trascinanti. Forse l'esempio più calzante e più vicino alla dimensione degli Arangara è quello del Parto delle Nuvole Pesanti, a loro volta partiti dalla Calabria, spostatisi a Bologna, come molti, per motivi universitari e da lì il rapporto con Claudio Lolli e con la canzone d'autore.

Pure gli Arangara hanno visto la luce a Bologna dentro a quell'enorme calderone che era il Collettivo E.C.U. formato da calabresi residenti in città e "se Fabrizio De André ci ha dato le orecchie", come dice Riccelli, le influenza vanno da Vecchioni a De Gregori, da Locasciulli a Guccini, da Dylan a Cohen, a Brassensa, fino a Otello Profazio, Ignazio Buttitta, Rosa Balistrieri.

"Terre di mari" inizia con una danza in calabrese stretto, "La novella scura", che sembra un tradizionale, ma è made in Riccelli, tanto per scaldare il clima. Ma è dal secondo brano che si capisce di avere a che fare con qualcosa di più o meglio, di diverso, da un disco di canti tradizionali. "Il sogno di volare" è un brano di Andrea Buffa, di un certo impegno e ampia struttura. "Questa mattina alle sei / con il buio ed il vento gelato / sfrecciavo con il mio Ciao / sembravo un ghiacciolo impazzito / Non volevo far tardi / col capo che rompe i maroni / ci paga tre euro e settanta / all'ora se stiamo buoni". Sembra quasi allegra, ma è la storia di una morte in un cantiere da parte di un immigrato che cade da un'implacatura. La musica, di ispirazione popolare, ricorda le cose migliori dei Gang e il brano è proprio bello, cantato e suonato come Dio comanda dagli Arangara. Una canzone che resta.

Segue "La ballata della luna" di Riccelli ed è un'altro brano in calabrese, ma questa volta lento e d'atmosfera. "O luna chi camini quieta, ca giri sempri e non ti fermi mai nomina la ventura a lu poeta / Avrannu finì n'cuna vota li mei guai? / Dimmi la verità luna lucente / ma ti nascondi e non rispondi niente": "Nemmeno tu" è invece una canzone composta da Riccelli su testo di Pierangelo Bertoli, ma, devo dire la verità, anche se il pezzo mi piace, il senso della canzone mi resta del tutto oscuro, come quello della sigla che ripete insistentemente: 5.7.9.17.19. Mah? Il libretto non solo non aiuta, ma ostacola, perché i testi sono scritti in corpo sei in rosso sullo sfondo di un disegno. Al di là di qualsiasi capacità di lettura.

Siamo con la successiva "A Pippa" ancora nell'ambito della musica che sembra tradizionale, ma è sempre di Gianfranco Riccelli. Faticosa per chi non conosce la lingua, che non è facilissima. Ancora in dialetto, ma più morbida "Sed libera" che è una canzone di protesta e di sofferenza molto ben eseguita e, ancora una volta, di difficile lettura per la lingua. Peccato, credo che sia molto interessante il testo, ma a tradurlo rischierei di fraintenderlo.

"Stracci e dicerie" vede la collaborazione degli Arangara con Claudio Lolli. Ed è, finalmente, in italiano. E' una storia popolare di un "lui" scomparso, morto forse, di sicuro uscito da una vita che non gli apparteneva. E frugando tra i suoi stracci non si è trovato niente. Solo chiacchiere, che andavano in tutte le direzioni. Quasi un "El purtava i scarp del tenis" in versione 2010, sostenuta da un piacevole tempo jazzato e da un testo da recitar-cantando. Bello. "Dicevano di lui / certo in modo abbastanza volgare / "idiota" e "povero cane / dimenticato senza collare" / Parlavano di lui / come vedete, senza alcun accordo / tendevano al litigio urlando / cose da far inorridire un sordo".

Bella carica e veloce la successiva "Mio caro Presidente, se leggete", lettera di un analfabeta al Presidente della Repubblica. La lingua, ancora una volta (ma anche la scrittura rosso minuto su disegno scuro) impedisce ulteriori approfondimenti."Siltango" promette e mantiene un tango, pacato e denso. Ed è anche una riflessione, molto bella, sullo scrivere in dialetto (una volta tanto leggibile e comprensibile): "Quandu mo scrivo 'nto dialettu mio / mi pari di tessiri a nu tilaru / cu na navetta linda chi sa fari / na trama comu 'ncantu ricamata / di lu megghiu artisti di culuri. / Scriviri accussì, 'nc'una poesia / chi mi spunta da menti dilu a filu / è come nu tessiri 'nta sta tila".

Poco più che un gioco la successiva "Musicanti di Carlo Lucarelli" che riecheggia "I musicisiti di Lolli" del Parto delle Nuvole Pesanti e inizia con una dichiarazione dello scrittore bolognese preziosa testimonianza di affinata con gli Arangara: "Il rapporto con gli Arangara è di tipo letterario. E' una musica con una fortissima tradizione che racconta tantissime cose, a me da un sacco di spunti e un sacco di idee per scrivere. Ci sono musiche che ascolti quando scrivi proprio perché ti fanno venire idee. La musica popolare è talmente viva che a me fa venire delle idee. E' come se leggessi romanzi di tanti autori che raccontano la vita". E poi via con le danze, dove Lucarelli diventa protagonista della canzone. "Rinnina" è firmata da Ricelli, ma è una nota canzone popolare, presente nel repertorio di molti cantori del sud. Pezzo conclusivo è "Terra di mari", bellissimo brano, assolutamente adatto per un congedo: "Come teste cornute / sulla terra dei mari / dove immergono reti / dalle misere barche / Come ispanici elmi / sulle terre di roccia / dove spalle ricurve / a raccogliere olive". Riflessione sulla difficoltà di sbarcare il lunario nelle terre di mari.

Il disco degli Arangara si conclude qui, ma lascia segni e intensi messaggi. Alcuni colti, altri supposti. C'è il momento della festa, c'è quello del ripensamento. Oggi si corre, poi ci si ferma e si ascolta o ci si ascolta. Attimi frenetici e attimi di pace. Lo strumento di una lingua scabra quanto musicale, il vaglio della tradizione e il mood della canzone d'autore. E mi piace chiudere con una lora frase, dal libretto, una di quelle che si leggono bene, con sfondo bianco: "Per essere veramente liberi occorre avere delle solide radici". Le radici ci sono, la piante viene su bene.

Arangara
"Terra di mari"
Galletti Boston/ Edel - 2010
Nei negozi di dischi

Sul web
Sito ufficiale
MySpace

Ultimo aggiornamento 26-06-2010
HOME