Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Alessandro Fiori: "Attento a me stesso"
Il Mariposa alla ricerca del sé più riposto
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Mariposa
Domino Dorelli

Giubbonsky

Storie di non lavoro

Giancarlo Figieri
Chi ha rubato la strada ai bambini?

Evasio Muraro
Canzoni per uomini di latta


Paolo Benvegnù
Dissolution


Samuel Katarro
Halfduck mistery

Crediti:
-Alessandro Fiori: Voce, Pianoforte, Violino
-Alessandro "Asso" Stefana: Chitarre, Basso
-Marco Parente: Batteria
-Zeno De Rossi: Batteria
-Danilo Gallo: Contrabbasso
-Enrico Gabrielli:Fiati, Vibrafono.

Registrato a Nave York da Alessandro "Asso" Stefana
Mixato all' Alpha Dept studio (BO) da Giacomo Fiorenza
Masterizzato a Lamaestà Mastering (MI) da Giovanni Versari

Tracklist

01. Idrocarburi
02. Trenino blu
03. Fiaba contemporanea
04. Lungomare
05. La vasca
06. Fuori piove
07. Due cowboys per un parcheggio
08. Senza le dita
09. Labbra fredde
10. Lucyfer wash
11. Trenino a cherosene


Il primo pensiero è "Ma come cazzo doveva trovarsi male Alessandro Fiori nei Mariposa?". Il secondo è: "Che bel disco". Ma forse i due pensieri viaggiano insieme. Gli è che la musiuca che gira qua dentro è così diversa da quella dei Mariposa! O meglio, la musica forse non tanto: le canzoni sono diverse. Proprio diverse. Ma forse la chiave sta tutta nel titolo (che non bisognerebbe mai sottovalutare): "Attento a me stesso". Come se, per una volta almeno, in attesa di nuovi sviluppi, Alessandro Fiori avesse voluto dare spazio a quegli universi molteplici che si incontrano dentro di sè. Un disco che ogni tanto pecca di intelligenza (con il nemico?) forse eccessiva, e che altre volte invece si lascia andare fino al limite dell'ingenuità, ma che proprio in questo suo pendolo è in grado di scoprire e di offrire emozioni.

Il primo ascolto può anche essere respingente. Mentre di alcuni autori, come Giancarlo Frigieri, per fare un esempio, si coglie l'urgenza e la necessità di esprimersi, Fiori è troppo abile per non far pensare che si stia divertendo a riempire di parole brani che avrebbe comunque potuto riempire con altre parole. Avete presente? Giochini simili sono sempre venuti bene a Paolo Conte, per fare un altro nome. Solo dopo un po', dopo qualche ascolto, si entra nel gioco e si inizia a gustarlo. Partendo dalle musiche. Lo strato superficiale del suono è sempre completato sotto da un infinità di piccoli accenni sonori che sembrano eclettici rispetto alla tessitura del brano e che, invece, in un secondo tempo, ti rendi conto di come, in effetti, "siano" la tessitura stessa.

Iniziamo a fare caso al titolo: "Attento a me stesso" può essere interpretato anche nel senso di attentato contro la mia persona. Secondo quanto scrive Fiori sul suo sito (ma, non so perché, non prenderei alla lettera quello che c'è scritto), il disco va interpetato come un trittico pittorico: il primo pannello comprende le prime tre canzoni, il secondo le successive quattro e il terzo va da "Senza le dita" a "Trenino a cherosene": Fiori si diletta a dipingere e a scrivere racconti, continua a essre parte attiva dei Mariposa e a gestire altre decine di progetti collaterali. Si definisce "uno che difficilmente può essere accostato ad altri" e tra gli artisti fonte di ispirazione cita Raymond Carver, Julio Cortazar, il Jannacci di ”Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Francis Bacon.

Il comunicato stampa dice anche che ”Attento a me stesso” è un disco che descrive la consapevolezza che la morte è in essere senza sorpresa (qualcosa che c'è non ha da arrivare) e riflette sull'interrelazione tra abbandono e resistenza attraverso una curiosità ed un’arguzia lirica che ben si coniugano ad uno stile musicale assai originale e inconfondibile fin dai primi ascolti". A sufficienza per non farsi amare. Ma poi c'è il disco. E questa è un altra storia.

Lasciando da parte le menate ed i voli eccessivi Fiori sa scrivere canzoni e lo fa con un tocco dolce e garbato, a volte quasi favolistico, con la grazia di un Capossela in stato di grazia e la freschezza di un Branduardi ante dischi d'oro. E, riconosciamoglielo, riuscendo a essere se stesso. Gli accostamenti or ora fatti sono solo per definire un campo, Fiori va per la sua strada e cerca di tracciarla in modo originale. Ogni tanto gli viene proprio bene ("Senza le dita"), altre volte con un po' più di fatica.

"Attento a me" si propone pertanto come disco a cui fare estrema attenzione, da maneggiare più volte, con curiosità. Da ascoltare a un primo livello, superficiale, poi far decantare ed ascoltare da capo, per capire passaggio, chiaroscuri, pennellate, sfuggite alle prima impressione. E' un disco che impressiona, ma lo fa piano piano, prendendosi gioco e poi tentando e attentando di nuovo. Finché questo curioso giochino ti prende la mano e ti spinge di nuovo a schiacciare su replay.



Alessandro Fiori
"Attento a me stesso"
Urtovox/Audioglobe - 2010
Nei negozi di dischi

Su Bielle
Ascolti: "Senza le dita"


Sul web
Sito ufficiale
Facebook

Ultimo aggiornamento: 28-10-2010
HOME