Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
7grani: "Di giorno e di notte"
Quando il pop diventa piacere di far canzoni
di Giorgio Maimone


Ascolti collegati


Filippo Andreani
La storia sbagliata

The Vad Vuc

La parata dei secondi

Luca Ghielmetti
Luca Ghielmetti

Maltrà B-folk
Specian tucc un quaicoss


Sulutumana
Danza


Marco Iacampo
Marco Iacampo

Crediti:
I 7Grani sono: Fabrizio Settegrani (voce, piano, sinth e chitarra acustica); , Flavio Settegrani (basso e cori): , Mauro Settegrani (chitarra elettrica, acustica, banjo, mandolini e cori); Alessio Russo (batteria).
Con i 7grani suonano dal vivo e in studio i musicisti Raffaele Kohler (tromba e flicorno) e Mirko Chighine (cori). Domenico Mamone (sax tenore); Ivan Ceccarelli (batteria, percussioni e analog synth); Massimo Faggioni (vento analogico e synth)

Testi e musiche dei 7grani

Prodotto da: Massimo Faggioni e Ivan Ciccarelli
Arrangiato da 7grani, Ceccarelli e Faggioni

Registrato,masterizzato e mixato da Massimo Faggioni ai Clockwork Studios di merate, Ien project studio di Varese e Fm studio di Monza tra il 2008 e il 2009

Artwork: Fabrizio Settegrani

Tracklist

01. A naso
02. Faccia da sospetto
03. Sentire la mente
04. Sorpresa
05. Cosa resta
06. Patata bollente
07. Stile di vita
08. Neve diventeremo
09. Segnali di fumo
10. Per le strade del mondo
11. Ohi Marì




Sì, saranno pure pop i fratelli Settegrani. Faranno anche musica facile, ma questo tipo di musica bisogna saperla fare! Loro sanno. Sono bravi e sanno cosa deve essere una canzone: un oggetto che si canta, che si manda a memoria, che bisogna poter ricordare e loro hanno questa rara qualità che è quella di saper scrivere canzoni che restino in testa, che ti si insediano subito nei meandri cerebrali e che non ti scolli più, qualsiasi cosa succeda. Quando il disco finisce di girare sul lettore non stupitevi se vi troverete già a cantare "Sorpresa" o "Cosa resta", "Faccia da sospetto" o "Per la strade del mondo", E non ho citato a caso. Sono proprio queste le canzoni che restano più incollate, ma le piccole perle non finiscono qui.

Innanzitutto la piccola storia del nome del gruppo, che sembra buffo e curioso, ma è solo il cognome dei tre fratelli che costituiscono l'ossatura del gruppo, con pochissime aggiunte di aiuto. E' anche facile pensare a un disco basso-chitarre-batteria tutto interno agli stilemi rock e invece il trio di Bizzarrone (Varese, la mi zona natale, ex depressa, mi sta dando delle soddisfazioni ultimamente!), ma i 7grani di sganciano facilmente da questa notazione:solo "Stili di vita" e "Patata bollente" rientrano nello schema, peraltro con una loro perfetta dignità. Il resto spazia da spunti (oh, solo spunti!) folk, reggae, pop, a tutto campo. Se volessimo fare spuntare strani sogni e fare paralleli (sempre incongrui) il primo nome che ci viene in mente è quello dei Beach Boys (oh, guarda caso, tre fratelli anche lì!) ma il parallelo si ferma solo nella misura in cui trovano facile sfornare brani azzeccati e cantabili: una musicalità naturale che deve essere dono di natura.

"Di giorno e di notte" è il secondo album del gruppo. il primo
, di cui nulla so, risale a quattro anni fa e si intitolava "A spasso coi tempi". Nel frattempo i 7grani hanno vinto un paio di premi al Mei e si sono fatti una solida fama locale, facendo da spalla anche a gruppi maggiori.

Con il video di "Neve diventeremo" (il brano è presente in questo disco, ma il video è stato girato nel 2007) hanno vinto il premio Mei 2007, nonostante il tema non fosse dei più leggeri e il video fosse ambientato nel campi di sterminio di Buchenwald. Il brano è dedicato al partigiano istriano Radovan Zuccon, deportato a Buchenwald dai nazisti nel 1944, sopravvissuto, ha potuto testimoniare la crudeltà del fascismo e del nazismo, salvo finire negli anni '50 nelle maglie peggiori della dittatura titina e trovare infine rifugio in Italia ad Albiolo, un paese a poca distanza da Bizzarrone. Il filmato originale durava 20 minuti, da cui è stato tratto un videoclip diretto dal regista Luca Tossani. Dice la "voce" del gruppo, Fabrizio, riportata su un sito: «i testi sono come piccoli film che raccontano storie di vita quotidiana o parlano di attualità. Tutti hanno un messaggio, alcuni di pace, di solidarietà, di intergrazione». E' vero, con delicatezza e gentilezza. Appena accennato. I 7grani tengono il piede leggero e non spingono quasi mai sull'acceleratore. Però hanno quel tocco di grazia che serve per passare dalla vicenda di "Neve diventeremo" alla bossanova scanzonata di "Ohi, Marì" ed è difficile scegliere tra l'una e l'altra quale sia la canzone che ci è piaciuta di più.

Musica da ascoltare, ma non da digerire, musica per qualsiasi ora del giorno, con un piglio brillante, ben cantata e ben suonata, dove ogni stimolo viene gestito con accortezza. Ebbene sì, potrebbe anche essere pop, ma è pop di qualità. Quello che fa piacere ascoltare perché sai che dentro, in qualche modo, da qualche parte, si sta parlando di te.

7grani
"Di giorno e di notte"
Ien Project / Venus - 2010
Nei negozi di dischi o su iTunes

Sul web
Sito ufficiale
My Space

Ultimo aggiornamento 08-10-2010
HOME