Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Roberto Vecchioni: "In cantus"
No, caro professore no, così non va
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Roberto Vecchioni
Di rabbia e di stelle

Roberto Vecchioni

Il contastorie

Roberto Vecchioni
Rotary Club of Malindi

Roberto Vecchioni
Il lanciatore di coltelli


Luca Ghielmetti
Luca Ghielmetti


Goran Kuzminac
Dio suona la chitarra

Tracklist

01.Vissi D'Arte
02.L'Uomo Che Si Gioca Il Cielo A Dadi
03.Il Nostro Amore
04.Le Cinque Stagioni
05.Milady
06.Di Te
07.A Dio
08.La Stazione Di Zima
09.Se Tornassi Indietro
10.Le Rose Blu
11.Sogna Ragazzo Sogna
12.Viola D'Inverno
13.Samarcanda
14.Luci A S. Siro

A me Vecchioni sta simpatico. E mi piacciono pure le sue canzoni. Sono almeno 35 anni che lo seguo passo passo, dai temi remoti di "Ipertensione" (1975). Per cui quando fa un passo falso mi sembra lecito dirlo. E "In cantus" è un passo falso. In assenza di ispirazione cantautorale più immediata, il professore di fa irretire nella trama di uno spettacolo dal vivo, con formazione classica e dove la musica classica fa la parte del leone. Due le anime: da un lato vecchi successi rivisitati (e francamente di "Samarcanda" e "Luci a San Siro" in ennesima versione ne avremmo fatto anche a meno) e dall'altro testi nuovi "arrangiati", accomodati, gettati su celebri brani di musica classica. L'effetto complessivo è quello del cappotto rivoltato. Il lavoro di sartoria è professionale. Vecchioni non è uno che non si impegni quando parte per una nuova avventura. Ma "Le quattro stagioni" di Vivaldi sono troppo più forti del testo bizzarro che Roberto ha cucito loro sopra e "La patetica" di Tchaikowsky è forse appena meno nota, ma l'innesto non dà i frutti sperati. Così come Rachmaninoff e Mascagni rifiutano sostanzialmente la proposta dei nuovi testi. Vecchioni dà l'anima, recita, si impegna, interpreta. Idea forse buona per uno spettacolo, ma il disco, il disco professore lei lo sa, implica ascolti ripetuti. E noi che l'ammiriamo la preferiamo alle prese con "Di rabbia e di stelle". Alti e bassi, ma almeno tutti suoi.

Crediti:
Beppe D'Onghia, pianoforte e direzione, il Nu Ork String Quintet (Anton Berovksy, primo violino; Alessandro Bonetti, violino; Giuseppe Donnici, viola; VIncenzo Taroni, violoncello e Daniele Roccato-Maurizio Bucci, contrabbasso), Ilaria Biagini (flauto e cori),

Roberto Vecchioni
"In cantus"
Universal - 2009
In vendita in tutti i negozi di dischi

Su Bielle
Presentazione "In cantus"

Intervista "Di rabbia e di stelle"

Sul web
Sito ufficiale

Ultimo aggiornamento: 30-11-2009
HOME