Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Gianna Nannini: "Giannadream"
A suo modo un concept. Cautamente ispirato
di Moka


Ascolti collegati


Gianna Nannini
Grazie

Gianna Nannini
Pia, come la penso io

Gianna Nannini
Gianna Best

Gianna Nannini
Aria

Carlo Fava
Neve

Mimmo Locasciulli
Idra

Musicisti:
Voce / Vocals, Synth, Piano: Gianna Nannini
Archi / Strings : Wil Malone
Batteria / Drums: Thomas Lang
Basso / Bass: Hans Maahn
Chitarre / Guitars: Davide Tagliapietra
Dangerplena: Raffele Gulisano, Tommaso Marletta, Davide Oliveri
Valeria Solarino: Voce Fotografica In "Attimo"
Ani Martirosyan: Pianoforte In "Siamo Nella Merda"
Cori In "Maledetto Ciao": Coro Adusai Diretti Da Pilar Bravo Cori Himba Serra Cafema - Namibia
Antonello Ricci: Chitarra Battente In "Ologramma"


Prodotto da Gianna Nannini e Wil Malone


Tracklist

01. Attimo (feat. Valeria Solarino)
02. Sogno
03. Maledetto Ciao
04. Bambolina
05. Sogno per vivere
06. Siamo nella merda (feat. Fibra)
07. Scossa Magica
08. Le ragazze
09. Ologramma
10. Sogno per vivere (End)


La prima considerazione (coincidenza?) è che tre dei dischi usciti questa primavera si articolano attorno al tema del sogno, della notte, dell'addormentamento e del risveglio: "Neve" di Carlo Fava, "Idra" di Mimmo Locasciulli e "Giannadream" di Gianna Nannini. Secondo coincidenza hanno tutte e tre il titolo in una parola sola (anche se "Giannadream" è composta). La terza coincidenza non c'è e quindi Agatha Christie non può venirci in soccorso dicendo che "tre coincidenze fanno una prova". All'ascolto i tre dischi non rivelano particolari comuni. Se la notte e il sonno di Carlo Fava e Mimmo Locasciulli sono generalmente pacati e tranquilli, con qualche spazio per gli incubi, le notti di Gianna Nannini sono "molto pù divertenti dei vostri giorni".

Insomma "Giannadream" è un disco vitale, vivace, colorato che, se lo ascoltasse un inglese, tranne che per il titolo, non verrebbe neanche in mente che parli di sogni. E' la solita Nannini vitalistica e rock, caciarona e ogni tanto sguaiata, ma tanto tanto simpatica. E' la solita Nannini, professionista ineguagliabile, in grado da 35 anni di offrire prodotti che hanno tutti qualcosa da dire e che sanno come dirlo bene.

Resta però una perplessità di fondo. Il disco si ascolta bene, è piacevole, ben scritto, musicato e registrato. Il talento di autrice di Gianna si mischia con quello di Pacifico, di Isabella Santacroce ("Maledetto ciao" e "Bambolina") e con le magie sonore di Wil Malone. Ma, se si es
cludono due/tre brani ecco che viene a mancare l'intima necessità di questo disco. Che è quanto di più vicino a un concept abbia mai concepito Gianna, ma le canzoni, fatte le dovute eccezioni, sono lì per riempire degli spazi più che perché ce ne sia una necessità effettiva.

Si ascolta e si riascolta l'album con immutato piacere, ma non può non venire in mente che Pacifico è lì, autore di quattro canzoni, "Sogno per vivere", "Scossa magica", "Ologramma" e "Le ragazze" perché è il partner che le ha regalato il grande successo di "Grazie", che Fabri Fibra che rappa dentro a ""Siamo nella merda" ha lo stesso peso, lo stesso contenuto, la stessa utilità immediata di Jovanotti (non ancora del tutto sdoganato) che canta dentro "Radio Baccano". Insomma siamo di fronte a un replica, un fondale dipinto. "Sono stesa a terra / mi hai confusa ormai". "Buttala al vento la vita / truccala come una partita / ... / tutti tutti stiamo nella stessa merda / proprio tutti".

"Attimo" invece è perfetta, ma è costruita in modo perfetto: il singolo per definizione, quello che acchiappa gli ascolti, che prende le radio, che si impone sulle onde hertziane e dentro i supermercati, nella filodiffusione e nelle autoradio. C'è l'aiuto di Valeria Solarino, normalmente attrice. Non se ne sente né la presenza, né la necessità. Il prodotto peraltro è di assoluta dignità. Piace. Non può non piacere. Ancora di più il discorso vale per il video, dove invece la presenza della Solarino è trainante.

Però, personalmente, mi piace di più "Sogno" che la canzone successiva e che ci porta direttamente dentro il tema dell'album. "Sogno che ti prendo come neve a ciuffi soffio / sui baci allonatanati sui baci poi versati / Sogno la mia carne trasformarsi in puro spirito / mi accorgo che sei sveglio, mi scordo che ti afferro". Il climax viene puntalmente raggiunto nell'inciso, attraverso una crescita costante e rafforzato dall'orchestra. Una perfetta canzone in stile Nannini, ma delle migliori. Affascina e avvolge e fa vibrare all'unisono : "Ci sarà qualcosa nei tuoi occhi viola / ci sarà qualcosa nella vita / per cui valga la pena".

Anche "Maledetto ciao" ha una sua bella vivacità e quel coro stile "The lion sleeps tonight" o "Graceland" di Paul Simon che spiazza e attira l'attenzione. Forse pretestuoso, ma gran trovata di produzione. Un bonus per aver usato la parola "rimesci"! Bella canzone. D'amore che finisce. E lascia grandi rimpianti. Costruzione perfetta e inciso strappasentimenti. Si beve di un fiato. Tanta grazia di ispirazione si fa molto fatica a rintracciarla nella successiva "Bambolina", canzone inutile e un poco futile, che vorrebbe giocare la carta della "maledetta", o nelle trasparenti "Scossa", "Le ragazze", "Ologramma". Brutte? No davvero. La Nannini non fa canzoni brutte. Ma inutili sì. Niente di grave, ma viene da pensare che se ci fosse ancora un mercato dei singoli, da questa sfornata potevano facilmente uscire un paio di singolo di grande successo e pregio, senza bisogno i gonfiarli a dimensione di un album.

Ultima nota per "Sogno per vivere": questa è l'emblema di come a volta non si abbia niente da dire, ma lo si possa dire molto bene. E' puro nanninismo miscelato in salsa Pacifico. Un po' di parole "sconvenienti" o "inquietanti", una storia d'amore tormentata e la consueta alternanza di rocce e improvvise radure che fanno tanta Gianna: "Uno sull'altra / nessuno al mondo ci dividerà"."Mi fa soffrire sai la voglia di te". "Sogno per vivere / è tutto quello che ho" e via di violini.

Gianna Nannini
"Giannadream"
Sony Music - 2009
In tutti i negozi di dischi

Sul web
Sito ufficiale
Ultimo aggiornamento: 22-05-2009
HOME