Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Ginevra Di Marco: "Donna Ginevra"
Le stazioni lunari riprendono il mare
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Ginevra Di Marco
Stazioni lunari prende terra ...

Ginevra Di Marco
Disincanto

Ginevra Di Marco
Smodato temperante

Jessica Lombardi
In dote


Carmen Consoli
Eva contro Eva


Lu
Rumì

Musicisti:
Ginevra Di Marco (voce)
Francesco Magnelli (pianoforte, magnellophoni, cori)
Andrea Salvadori (chitarra classica, tzouras, wood guitar, cori)
Marzio Del Testa (batteria)

registrato da Andrea Salvadori
mixato da Giovanni Gasparini
masterizzato da Claudio Giussani / Nautilus

Arrangiamenti: Francesco Magnelli e Andrea Salvadori
Produzione esecutiva : Sergio Delle Cese
Produzione artistica : Francesco Magnelli

Tracklist

01. Terra mia
02. Usti usti baba
03. M’aggia curà
04. Il crack delle banche
05. La maza
06. Io sì
07. Le figliole
08. La malcontenta
09. Au bord de la fontaine
10. Ali Pasha
11. In Maremma


Di dischi simili non si potrebbe parlando male nemmeno volendolo. Parte con tutte le stimmate giuste per far parlare bene di sé e la cosa più curiosa è che poi queste belle parole se le merita davvero. Ginevra Di Marco da qualche tempo in qua ha fatto la sua svolta: "la musica popolare - ci ha detto tempo fa - mi dà gioia a cantarla. Una gioia fisica". Una gioia che si sente correre anche per le undici tracce di "Donna Ginevra". Insomma, le stazioni lunari hanno preso terra, ma la voglia di mare continua a prendere il sopravvento e la signora è partita ancora. A bordo nove brani della tradizione (dalla Toscana, alla Macedonia, dalla Bretagna all'Albania) e due omaggi a cantautori come Pino Daniele (l'iniziale "Terra mia") e Luigi Tenco ("Io sì", strepitosa).

Ma il passaggio tra una tradizione e l'altra non si sente, non compie un salto, ma transita lievemente, fino ad assorbire nel tessuto sonoro, cucitole attorno su misura dal partner Francesco Magnelli, i brani cantautorali accanto a quelli di tradizioni differenti. In questo bazaar dell'anima c'è da spaziare con le scelte ed è quasi impossibile che non troviate la spezia adatta a voi, allo vostra ispirazione, al vostro sentimento. A meno che non vi troviate d'umore del tutto malinconico. La malinconia qua dentro non viene presa in esame. Anche la tristissima "Io sì" viene trasformata in un canto energico e forte (e il testo di Tenco, peraltro, ha ben maggiore valenza se visto al femminile).

Pochi gli strumenti e fondamentale comunque resta la voce. Anche in questo caso viene da pensare che arrivare all'anima delle canzoni popolari non è solo questione di strumenti: non sono le darbouke a fare "Africa", né le fisarmoniche sbilenche a creare i "Balcani", ma lo fanno le canzoni e la sensibilità dell'interprete. Per il viaggio della navicella di "Donna Ginevra" bastano delle chitarre, una batteria, il pianoforte, gli indispensabili magnellophoni (marchio di fabbrica registrato in famiglia) e una grande voce.

"Come diceva Eduardo - scrive Ginevra all'interno del libretto - la tradizione è vita che continua. Questo significa che se tu risvegli qualcosa di vitale in ciò che ti ha preceduto, lo restituisci vivo a chi viene dopo di te. Che questa muisica possa accompagnare i vostri giorni e che sia luogo di fioritura di pensieri e di immaginazioni che sappiano staccarsi dal ronzio che ci assedia. Una serena obiezione all'esistente".

E già chi vuol fare "serena obiezione all'esistente" rientra nei miei favori. Poi rientrano pure i brani: dopo "Terra mia" (1977, ossia quando Pino Daniele era Pino Daniele) c'è Usti Usti baba (canto rom macedone), seguito dalla macchietta napoletana di Nino Taranto "M'aggia cura'". Non si cambia tanto atmosfera con la divertentissima "Il carck delle banche", che si riferisce allo scandalo della Banca Romana del 1893, ma che potrebbe essere stato scritto oggi: "Noi siamo tre celebri ladron / che per aver rubato ci han fatti senator".

Entriamo nella parte centrale più di atmosfera: "La maza" del cubano Silvio Rodriguez, ossia "Il piccone": "Cosa sarebbe il piccone senza la cava / un miscugliio di corde e tendini / un ammasso di carne e legno / uno strumento senz'altro splendore / che piccole luci sulla scena / cosa sarebbe - amore mio - cosa sarebbe / il piccone senza la cava?". Sublime. Come pure la successiva "Io sì" di Luigi Tenco che prende l'onda di un canto popolare, quasi una czarda, per volare sempre più in alto nel cielo dei significati.

Si ritorna alla gioia di vivere con la villanella del Cilento (come tutti i brani rielaborata da Di Marco, Magnelli e Salvadori) "Le figliole": "Le ffigliole che n'hanno ammore / songo nave senza la vela / so' lanterne senza cannella / songo cuorpe senza lu core / Li 'ffigliole che n'hanno amore". "La malcontenta" è una ninna nanna toscana raccolta da Caterina Bueno ed è espressa in tutta la sua ammaliante crudezza. Ottima musica popolare.

Il passaggio in Bretagna lo fornisce "Au bord de la fontaine", versione meno nota della celebre "A la claire fontaine", brano raccolto da Lorient in Bretagna nel 1842. E' una canzone di separazione e di dolore ("Canta usignolo canta / la bella mi ha lasciato / Se hai il cuore allegro / la bella mi lasciò"), ma il ritmo ha preso un treno rapido e ti porta sferragliando attraverso tutta la canzone, dalla terra di Bretagna, senza prendere fiato, fino all'Albania. "Ali Pasha" è infatti un canto tradizionale albanese, che racconta le imprese del condottiero Ali Pasha Tepelena che nel 1788 conquistò Albania, parte della Tessaglia ed Epiro, crendo un regno semi-indipendente da quello turco. Si chiude con "In maremma" di Dodi Moscati, grande figura della musica popolare toscana, scomparsa da qualche anno.

Su undici canzoni almeno otto mettono voglia di risentirle subito e lasciano traccia nel cuore e nella mente. Non un risultato da poco per un disco di musica popolare, magnificamente rivisitava e presentata col vestito scintillate da serata di gala. Ma musica popolare resta nel profondo e questo forse è il miglior risultato del disco.

Ginevra Di Marco
"Donna Ginevra"
Materiali sonori/Edel - 2009
Nei negozi di dischi

Sul web
Sito ufficiale
Materiali Sonori

Ultimo aggiornamento: 09-08-2009
HOME