Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Avion Travel: "L'amico magico"
Le musiche da film di Nino Rota, un bagno di magia
di Giorgio Maimone


Ascolti collegati


Avion Travel
Danson Metropoli

Avion Travel

Poco mossi gli altri bacini

Servillo, Girotto, Mangravite
L'amico di Cordoba

Camillo Cromo
Musiche oniriche per film immaginari


Roggiu de mussa pin-a
Flou immigration


Calambre
Plays Piazzolla. Buenos Aires ora zero

Crediti:
Peppe Servillo (voce); Fausto Mesolella (chitarra, tastiere, dobro, cori); Mimì Ciaramella (batteria, cori, kazoo)

Orchestra Camerata Ducale di Vercelli
Ospiti: Vittorio Remino (basso); Vladimir Kocaqi (violoncello); Flavio D'Ancona (cori, ukulele, vibrandoneon, kazoo); Elio (voce in "Bevete più latte");


Un progetto di Caterina Caselli Sugar
Produzione artistica e arrangiamenti: Fausto Mesolella
Arrangiamenti per orchestra: Fabrizio Francia
Direttore d'orchestra: Marcello Rota

Registrato alle Officine meccaniche Recording Studios di Milano

Brani di Nino Rota
L'arrangiamento in italiano del brano "Giulietta Masina" di Caetano Veloso è di Peppe Servillo
Il testo italiano per il brano New carpet di Nino Rota è stato scritto da Peppe Servillo

Tracklist

Cd
01. Parlami di me
02. Pelle Bianca
03. The immigranti
04. Brucia la terra
05. Ai giochi addio
06. Canzone arrabbiata
07. Amarcord
08. Lla rì lli rà
09. Gelsomina
10. Bevete più latte
11. Quello che non si dice
12. Lo struscio
13. La passerella di Otto e mezzo


Dvd
01. Parlami di me
02. Amarcord
03. Canzone arrabbiata
04. La passerella di Otto e mezzo
05. Canto della Buranella
06. Lo struscio






Da un po' di tempo in qua gli Avion Travel si sono trasformati in un gruppo di cover. E' vero che, in fin dei conti ce l'hanno sempre avuto nel Dna. Partiti con strepitose versioni di brani di Adriano Celentano, si erano poi accostati a Nada, per arrivare in epoche più recenti a Paolo Conte, già toccato in precedenza con una bella versione di "Insieme a te non ci sto più". E in questo percorso sul versante delle cover si trovano quest'anno ad approcciarsi alle musiche da film di Nino Rota. E' vero, abbiamo sempre detto peste e corna delle cover e, tutto sommato, continuiamo a pensare che un disco che riproponga canzoni già edite debba costare meno di un album di inediti, altrimenti non si dà alcun valore al lavoro intellettuale. Però il modo di accostarsi a Nino Rota degli Avion ha un suo fascino e, in ipotetica campionato dei coveristi, si aggiudicherebbe un posto sul podio per il 2009.

"Il progetto - ci spiega Peppe Servillo - è nato in vista di uno spettacolo, quello che abbiamo proposto agli Arcimboldi di Milano. L'occasione è nata dall'incontro con Marcello Rota e con l'Orchestra Ducale di Vercelli che da tempo lavorava sul repertorio di Nino Rota e da lì è venuta l'idea di studiare una formula che sposasse la dimensione orchestrale con la nostra presenza, creando per queste canzoni una dimensione non popolare perché ce ne fosse bisogno, ma cercando nel repertorio di Rota di sposare la poesia con un repertorio popolare. Canzoni che sono state famose, ma che oggi non vengono più riproposte".

E così vengono riproposte in questa cavalcata nel repertorio del grande musicista, unito per una vita a Federico Fellini, ma che ha fornito colonne sonore a tanti registi importanti, canzoni celebri come la bellissima "Parlami di me" che apre il disco ed esce da "La dolce vita" del 1960, fino a tre canzoni "The immigrant", "Quello che non si dice (New carpet)" e "Brucia la terra" tratte dal "Padrino II e III" di Francis Ford Coppola del 1990, Da "Gelsomina" tratta da "La strada" di Fellini (1954) a "Bevete più latte" dal film a episodi "Boccaccio '70" di De Sica, Fellini e Monicelli (1962). Una cavalcata epica sull'onda dei ricordi conclusa dalla celebre "Passerella di otto e mezzo" dal film "Otto e mezzo" di Fellini. In mezzo l'unica escursione dal repertorio di Rota "Pelle bianca (Giulietta Masina)" di Cateano Veloso, tradotta in italiano da Peppe Servillo.

Il risultato è indubbiamente convincente, anche perché la grande distanza col repertorio in questione riporta d'attualità arie ormai dimenticate. C'è da dire che di fondo resta la sensazione di ascoltare musiche datate. L'operazione di smerigliatura e pulizia di Fausto Mesolella e soci riesce solo in parte ad evitare gli insulti del tempo che, se non si notano sulla singola canzone, emergono invece più massicce all'ascolto dell'intera opera. Che resta comunque un'opera molto prestigiosa.

Il breve dvd aggiunto contribuisce a dare valore al tutto. La dimensione visiva, che mette in risalto la presenza della grande orchestra e che gioca molto anche sull'apporto visuale, è componente decisiva per gustare appieno il sapore e scuotere ulteriormente la polvere dal repertorio. A questo aspetto contribuiscono in misura massiccia le pitture di corredo (in parte riportate qui a fianco) che sono di mano di Giuseppe Ragazzini, studiate appositamente per le singole canzoni e inserite nel progetto grafico di "Convertino & Designers".


Come bisogna avvicinarsi a un lavoro di questo tipo? Con rispetto museale? Con curiosità anticata? Con partecipata contemporaneità? E' difficile da dirsi. Credo che l'aspetto storico abbia il predominio su quello contemporaneo.

Restano canzoni legate a un periodo, anzi, addirittura bloccate su una manciata di fotogrammi che si sono incisi a fuoco sulla nostra memoria e dalle quali è molto difficile slegarle. Alcune punte sono rappresentate dalla "Canzone arrabbiata" tratta da "Film d'amore e di anarchia" di Lina Wertmuller (1973) dallo "Struscio" tratto da "Amarcord" di Federico Fellini. Gran classe. Un po' fine a se stessa ed estetizzante. Che è un po' il limite degli Avion Travel. Attendiamo il disco loro.



Avion Travel
"Nino Rota: L'amico magico"
(cd + dvd)
Sugar - 2009
Nei negozi di dischi

Sul web
Sito ufficiale degli Avion
Sito Sugar

Ultimo aggiornamento: 01-01-2010
HOME