Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Samuel Katarro: "Beach Party"
Fenomeno? Ha da mangiarne di pane ...
di Moka


Ascolti collegati


Samuel Katarro
Halfduck Mistery

Giubbonsky

Storie di non lavoro

Le luci della centrale elettrica
Canzoni da spiaggia deturpata

Giancarlo Frigieri
Chi ha rubato le strade ai bambini?


Paolo Benvegnù
Dissolution


Evasio Muraro
Canzoni per uomini di latta

Tracklist

01. From Texarkana to Texarkana
02. Terminally Illness Blues
03. Com-Passion
04. Wicked Child
05. The Moonlight Murders
Psychedelic Band
06. There’s a Lady inside the Cabin
07. Dead Man on a Canoe
08. Headache
09. Live in Terror
10. This Garlic Cake
11. Beach Party


Si fa un gran parlare di Samuel Katarro, ossia Alberto Mariotti (ci avete fatto caso? Ormai i nomi veri si usano poco: Dente, Katarro ... un segno anche questo del ritorno ai magici sixties?) . Katarro il nuovo fenomeno, Katarro e i concerti in salotto, Katarro e il blues nel sangue. Sta di fatto che il ragazzo è bravo, non è uno che si arrabatta, gratta sulla chitarra con passione e urla senza tema nel microfono. Impressione generale? Il contesto live è inudbbiamente quello in cui Katarro ha più credenziali. Su disco un brano affascina, quello dopo stanca, al terzo non ce la si fa più, il quarto torna ad affascinare, ma l'ascolto si fa distratto.

Complice certamente anche l'inglese che, personalmente fiacca la mia voglia di ascoltare (e che non capirò mai in autori italiani. Esterofilia? Paracadute? Necessità della metrica rock? Ambizioni internazionali?). L'impressione di fondo è che di stoffa ce ne sia anche tanta e di voglia di cantare e grinta altrettanto. Voce, una gran voce, usata come duttile strumento, chitarra (acustica con sprazzi di elettrica) e una passione sincera per la musica degli albori del rock, con Syd Barrett e David Thomas come numi tutelari, brani di tre minuti scarsi che sono tutti un attacco frontale, falsetto da bluesman acustico provetto e nevrastenia interpretativa. Però se è tutto qui ci teniamo Le luci della centrale elettrica che esprime una tensione vera, con parole che sono coltelli molto più affilati che non la voce. Oppure aspettiamo che le cose che ha da dire provi a dirle in italiano.

Intediamoci, vivaddio che ci siano spunti simili e una simile vivacità in arrivo dalla provincia profonda come Pistoia, ma aspettiamo a gridare ai miracoli almeno che questi avvengano. A reclamarli per forza nemmeno i miracoli vengono col buco.

Ah, ovviamente il titolo dell'album va letto in senso ironico, come chiarisce l'immagine di copertina. Niente canzoni da spiaggia, ma toni tetri e un po' schizzati.

Crediti:
Samul Katarro (Alberto Mariotti): voce, chitarra acustica, chitarra elettrica

Samuel Katarro
"Beach Party"
Autoprodotto - 2009
Su iTunes

Su Bielle
Ascolti: "Beach party"


Sul web
MySpace

Ultimo aggiornamento: 18-09-2009
HOME