Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Beatrice Antolini: "A due"
Una robusta e sicura personalità
di Moka


Ascolti collegati


Ginevra Di Marco
Stazioni lunari prende terra

Nada
Luna in piena

Gianna Nannini
Grazie

Patrizia Laquidara
Funambola

Cristina Donà
Piccola faccia

Susanna Parigi
In differenze

Musicisti:
Beatrice Antolini: (voce, grand piano, upright piano, electric guitar, Thunderbird bass, Hohner cembalet, percussioni, moog, farfisa, batteria, basso semi-acustico,chitarra acustica, synth, cello, hammer, wind, floor, hands, woodblock, human cuica, marimba, glockenspiel, congas, vibrafono, drum fingers, organo, piatti).
Luca Cavina: basso elettrico; Paolo Mongardi: bateria; Tim Trevor Briscoe: sax; Federico Fantuz: wah wah guitar; Francesco Candura: basso; Enrico Pasini: tromba; Samuele Bucelli: cuica; Marco Fasolo: mirror

Scritto, suonato e prodotto da Beatrice Antolini, Mixato da Marco Fasolo (Jennifer Gentle), masterizzato da Max Trisoto

Tracklist

01. New Manner
02. Funky Show
03. Morbidalga
04. A New Room For A Quiet Life
05. Modern Lover
06. Clear My Eyes
07. Pop Goes To Saint Peter
08. Sugarise
09. Secret Cassette
10. Double J
11. Taiga



I testi sono in inglese, lingua che non mastico (anche se qualche volta lei mastica me) e sul libretto comunque non sono riportati. Le musiche sono di stampo new rock internazionale, gli atteggiamenti in copertina, nel libretto e nelle interviste sono da femme fatale e allora questa Antolini cosa ha di partecipare? Personalità. Quando non c'è una caratteristica principe che reclama la sua attenzione sopra tutte le altre, ma un disco ti intriga e di conquista comunque, la spiegazione non può che stare nella personalità dell'artista.

Ampio spazio è lasciato alla musica che può essere morbida e accogliente come in New Manner, anche se sottilmente inquietante, o aggressiva e schizzata come in Funky show (titolo che rispecchia in pieno il brano). Beatrice canta e suona praticamente di tutto: grand piano, upright piano, electric guitar, Thunderbird bass, Hohner cembalet, percussion (mi raccomando, tutto in inglese perché il prodotto è fatto per il mercato internazionale!) , ma anche moog, farfisa, batteria (mi sono stancata dell'inglese) , basso semi-acustico, marimba, glockenspiel, congas, vibrafono, drum fingers, organo, piatti. Assieme a lei ogni tanto un sax, un basso, una tromba, una batteria. Un album solipsista, risolto in se stesso e specchio della regina-come-sono-brava-come-sono-bella. Il problema è che lo è davvero: brava e bella.

L'unico problema a gioco lungo potrebbe essere il narcisismo che si percepisce scorrere lungo tutto l'album. Beatrice Antolini è brava, ma si piace. E quindi non è il miglior giudice di se stessa. Forse collaborare con qualcuno potrebbe fare meglio alla sua vena che comunque, lo ripetiamo, è tra le più sature viste in circolazione. Questo disco un po' obliquo strega quando passa dalle atmosfere tenui di "Morbidalga" ai piccoli sperimentalismi di "A new room for a quiet life", per poi tornare tranquilla ma vagamente psichedelica nella breve "Modern Lover".

Brano per brano infatti ci inerpichiamo per sentieri che ccambiano sostanzialmente il paesaggio di fondo. Come a comporre un mosaico molto sfaccettato che presenta diversi aspetti della stessa personalità in un condominio che pare densamente abitato.

"A due" segue, a due anni di distanza (ecco il due?) il primo album "Big saloon" che già dimostrava tutto il bene che si possa pensare della Antolini. Due parole su di lei, tratte dal suo MySpace: nata a Macerata, inizia a suonare dall'età di tre anni, dimostrando interesse per qualsiasi cosa che emettesse suono. Frequenta il Conservatorio, si diploma come attrice al Teatro Colli di Bologna e inizia a scrivere, per usarle sulla scena, le canzoni che, in buona parte, andranno a confluire in "Big Saloon". Partecipa come ospite agli ultimi dischi di Baustelle e Bugo e alla fine arriva ad "A due".

Un p
ercorso netto con pochi ostacoli, molta voglia di fare anche in campi diversi e una bella sicurezza di sé. Brava è brava e brani come "Pop goes to Sain Peter" (titolo niente male) lo confermano in pieno. Per Beatrice i paragoni che vengono naturali sono internazionali e non italiani. Abbiamo indicato di fianco un percorso di ascolti, ma è soprattutto per affinità femminile più che musicale. Solo con Nada certi accenti inquietanti possono avere un'eco anche sotto forme del tutto diverse. Le atmosfere alla Goblin di alcuni brani, intercalate da una vocetta acuta e insinuante appartengono più alla categoria del cartoon che a quella dell'horror, specie nella lunga e conclusiva "Taiga", oltre sette minuti dove gli incubi vagano liberi.

Voce sicura, presenza, personalità. Beatrice ha tutto per essere la chanteuse del terzo millennio. Chissà se la scelta dell'inglese si presenta come un passaggio temporaneo o una cifra carateristica precisa. In questo modo c'è ancora troppo effetto mascheramento. Beatrice Antolini, il talento mascherato.



Beatrice Antolini
"A due"
Urtovox - 2008
Nei negozi di dischi e su iTunes

Sul web
MySpace
Ultimo aggiornamento: 27-03-2009
HOME