Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
BiELLE LIBRi
"I miei amici cantautori" di Fernanda Pivano
La Nanda svolazza tra Vasco, Liga e Vinicio
di Giorgio Maimone


Ascolti collegati


Fabrizio De André
In direzione ostinata e contraria

Vasco Rossi
Il mondo che vorrei

Pino Marino
Acqua luce gas

Morgan
Non al denaro ...

Giulio Casale
In fondo al blu

Carlo Fava
Personaggi criminali


Libri analoghi

"Ah, questo Woodstock! Come eravamo tutti belli, dentro e fuori, trentacinque anni fa, quando si è fatto quel primo leggendario Woodstock". "Ah, questo Bob Dylan! Croce e delizia di tanti di noi quel 2 dicembre 1965, indimenticato e indimenticabile, tutto, il prima e il dopo. Il prima sul camper Volkswagen di Allen Ginsberg che mi spiegava Mr Tambourine man". "Ah questo Fabrizio! Bello, doce, gentile e va bene, questo capita a molti, ma a lui era capitata una cosa capitata solo a lui, una voce, una voce, una voce che quando diceva Buongiorno come stai era come sentire un suono ultraterreno". "Ah, questo Vasco Rossi! E' nato a Zocca" (va beh, non tutti possono nascere belli, dolci e gentili. Però è l'unico che qualche pagina oltre si becca un secondo "Ah, Vasco, Vasco, dolcissimo Vasco, fascinoso al di là del pensabile" - NdR). "Ah, questo Bruce Springsteen", "Ah, questo Lorenzo Cherubini, Alias Jovanotti", "Ah, questa Patti Smith", "Ah, Piero Ciampi".

Questi alcuni degli incipit di una serie di quadretti olografici che Fernanda Pivano dedica "Ai miei amici cantautori", conscia o meno di scippare il titolo a un noto Lp di Ornella Vanoni del 1968. Il libro invece è più recente (2005) e ne parliamo adesso in seguito alla scomparsa dell'autrice. Purtroppo non ci viene da parlarne bene. Fernanda Pivano , come si può vedere dagli incipit citati sopra, era un'entusiasta per natura. Che però una che aveva conosciuto Hemingway e Scott Fitzgerald possa andare in brodo di giuggiole per Jovanotti mi sembra un po' eccessivo. O che riservi lo stesso entusiasmo a Dylan, Springsteen Vasco Rossi, Patti Smith che forse (e dico forse prudenzialmente) hanno dato contributi diversi all'evoluzione della musica rock.

Ma tant'è. Se vi da fastidio la faciloneria critica e siete allergici agli entusiasmi, piantate pure qui con la lettura. Se invece siete tra quelli che amano conoscere i dietro le quinte, i "chi-conosce-chi-chi-frequenta-chi" allora questo è il libro per voi. La Nanda conosce tutti. Alcuni però non li saluta con l' "Ah, quel ..." di prammatica. Non so, Guccini non gode di questo entusiasmo, De Gregori non esiste nemmeno, Vinicio Capossela invece sì, ma, come Ligabue, non ha diritto all'"Ah ..." della Pivano. I quadretti riguardano, oltre ai nomi già citati anche DAvid Bowie, Laurie Anderson, John Cage ("Ah, questo John Cage! Un altro eroe degli anni Sessanta"), Kurt Cobain, The Fugs, Jim Morrison, Lou Reed, Ravi Shankar ("Ah, quest'India).

Al di là della forma enfatica e di questa tendenza, ma in fin dei conti giustificata, della Pivano a leggere la realtà sempre come se fosse vista solo dalla sua parte, si leggono facilmente. Diciamo che due neuroni, due neuroni e mezzo bastano per seguire i discorsi che, in gran parte sono pettegolezzi da smart set.

Ogni tanto compare qualche intermezzo in forma di intervista: a Capossela ("Come hai conosciuto Tom Waits?"), a Guccini ("Io ho scoperto l'America nel 1956, dimmi quando e come l'hai scoperta tu") e, a introduzione del tutto c'è invece un'intervista a Fernanda Pivano fatta dai due curatori del libro, Sergio Sacchi e Stefano Senardi che forse è il pezzo più interessante del volume. In coda i due chiedono se la Nanda voleva ricordare qualche altro cantautore che non era entrato nel libro e lei cita Mauro Pagani per il suo lavoro su "Creuza de ma" e per quello sulle canzoni napoletane con Massimo Ranieri, Morgan (anche per aver riscritto "Non al denaro, non all'amore, né al cielo"), Carlo Fava per "Personaggi Criminali", Lucio Quarantotto, Giulio Casale e Pino Marino. Quasi più interessante quest'ultima lista che non gli artisti (straconosciuti) di cui si parla nel libro.

La vera Pivano, la Pivano di valore sta altrove e non in questo volumetto (caro anche perché del tutto privo di apparato iconografico), ma la compagna di strada e attenta ascoltatrice e sincera appassionata del mondo dei cantautori, quella che negli ultimi tempi andava dicendo che i poeti in Italia non esistono più, ma ci sono i cantautori, ecco, questa è proprio lei.

Fernanda Pivano (A cura di Sergio Sacchi e Stefano Senardi)
"I miei amici cantautori"

Mondadori - 2005
(finito di stampare nell'ottobre 2005)
201 pagine - € 15,00
Nelle librerie


Sul web

Ultimo aggiornamento: 20-08-2009
HOME