Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
BiELLE LIBRi
"Un destino ridicolo" di Fabrizio De André e Alessandro Gennari
Io il libro l'ho ascoltato, come una canzone
di Franco Senia


Ascolti collegati


Mauro Pagani
Creuza de ma 2004

Fabrizio De André
In direzione ostinata e contraria

Fabrizio De André
In direzione ostinata e contraria 2

AaVV
Mille papaveri rossi

AaVV
Faber, amico fragile

Pfm+ De André
In concerto


Libri analoghi


 

Mi è capitato di leggere "Un destino ridicolo", libro scritto a 4 mani da Fabrizio De André e Alessandro Gennari. In ritardo l'ho letto, grazie ad un'amica che me lo ha gentilmente prestato. Avevo delle perplessità e dei pregiudizi che mi avevano impedito, all'uscita del libro, di comprarlo e di leggerlo. Sbagliavo. Il libro merita la lettura, e, come tutti i libri che valgono la pena di essere letti, riesce a far crescere delle domande e ad instillare dei dubbi.

C'è molto di Fabrizio, in questo libro. O perlomeno, mi piace pensarlo. Stuzzica la curiosità. Spinge a cercare di ripartire le "responsabilità" fra lui e Alessandro Gennari. Chi ha scritto che cosa, in quel libro? Verrebbe facile assegnare a ciascuno le fotografie delle rispettive città di appartenenza. Ma forse anche in questo non è difficile vedere un gioco di rimando, come se il mantovano descrivesse Genova e il genovese Mantova. Chissà, forse.

Ma più che i luoghi, sono i personaggi che affascinano. Ci parlano di Fabrizio, più che di Alessandro. Almeno credo. Chi sono Bernard e Carlo? Due facce della medesima persona? Il rivoluzionario divenuto malavitoso, intorno cui fioriscono leggende. Bernard che vuole fare un colpo per realizzare il suo sogno. Un sogno rimasto intatto, passato indenne attraverso splendori e miserie.

Chi è Bernard? Forse l'unico personaggio del mazzo su cui vale la pena scrivere un libro? Carlo, il protettore, innamorato di un'idea di donna per cui sarebbe capace di tutto. Carlo che in vita sua ha letto solo Tex Willer! Violento e dispotico con Veretta, gentile e celestiale con Maritza. Le due donne del libro, Veretta e Maritza. Non esauriscono certo il discorso sulla donna, in Fabrizio. Ma servono a mettere a nudo gli uomini del libro. Sono le uniche donne, salvo una fugace apparizione di Edith Piaf.

E Salvatore. Salvatore, la concretezza e la semplicità. Salvatore, la Gallura. Qualcosa che Carlo e Bernard non saranno mai. Salvatore che vince perchè, come nel film "I magnifici 7", i Salvatore vincono sempre. Perchè sono la "terra". Che sia un western, “Un destino ridicolo”? E poi ci sono Fabrizio ed Alessandro. Ma forse non sono i "veri" Fabrizio ed Alessandro. Anche se Fabrizio canta "Bocca di rosa" ed Alessandro ha scritto un libro su Bernard.

Si c'è tanto di Fabrizio in questo libro. La conoscenza della violenza, quella a viso aperto, della rissa col "Vikingo". La violenza di Carlo e la violenza di Salvatore. E altre violenze. Ci sono i "processi al cantautore". Quelli degli anni settanta. Quelli che fecero scrivere l'Avvelenata a Guccini! C'è Fabrizio sul palco.

C'è perfino la critica del "capitalismo"! Realizzata attraverso un discorso sulle donne. Le donne, l'anello debole, quelle che di solito "sposano dei pezzi di merda"; le donne, sempre fra bracciantato e prostituzione. C'è tutto questo. Quello che io ci ho visto, e tante altre cose che, presumibilmente, non ho visto.

A me piacerebbe sapere da dove, e da chi soprattutto, nasce la scena della rissa. Capire chi ha partorito il periodo.... "..........sentì dietro di sé una voce familiare rispondere con durezza consonantica: "Perchè? Cosa gli fai altrimenti?" " E rinnovo le mie domande: Chi è Bernard? e chi è Carlo? e da chi provengono?

Non credo che fosse un "romanzo" quello che, almeno io, cercavo in quelle pagine. Non mi sono disposto a leggere "Un Destino Ridicolo" come sono solito fare quando prendo in mano un libro. Non l'ho chiuso come faccio con altri libri, soppesando se il tutto avesse funzionato a dovere. Diciamo pure che l'ho sfogliato, "i miei occhi come due cani", alla ricerca di un qualcosa che non sapevo nemmeno io cosa.

Conferme? Intuizioni? Tracce? Questo, certo. Ed anche tutto il resto. E penso che il libro mi ha dato quello che chiedevo. Niente di più. Niente di meno. "Un destino ridicolo", io non l'ho letto. L'ho ascoltato, come una canzone.



Fabrizio De André e Alessandro Gennari
"Un destino ridicolo"

Einaudi - 1996
148 pagine - € 8,80
Nelle librerie

Sul web
Sito ufficiale
Ultimo aggiornamento: 23-07-2009
HOME