Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Mideando String Quintet: "Tutte le direzioni"
La leggerezza viaggia sulle corde
di Lucia Carenini


Ascolti collegati


Dissoi Logoi
III

Luca Bonaffini
Treni

Goran Kusminac
Ehy, ci stai

Morblus Band
Mrs Miller

Musicisti:

Riccardo Targhetta: voce solista - percussioni
Fabiano Guidi Colombi: chitarra acustica - chitarra classica - voce cori
Mirco Zanzarin: basso elettrico - voce cori
Alessandro Chiarelli: Violino - Voce/Cori
Stefano Santangelo: mandolini - mandolino in ottava - mandoloncello - armonica - voce cori

Tracklist

1. Mio Capitano
2. Sono Sogni
3. Ora Che
4. Wonderful Town
5. You Are The One That I Want (*)
6. Turkey In The Straw (*)
7. Will The Circle
8. Video Killed The Radio Star (*)
9. These Are The Days Or Your Lives (*)
10. Mani
11. 6 Agosto 1945

Tutti i brani sono di Mideando eccetto (*)


Suona leggero, questo “Tutte le direzioni”, leggero come la piuma raffigurata sulla copertina, ma in questo caso la parola leggero non ha nulla di dispregiativo, ma prende una valenza di scorrevolezza, di fluidità, di piacere all’ascolto.

Mideando String Quartet, lo dice il nome stesso, è un quintetto di corde. Suonano mandolino, octave mandolin, mandoloncello, violino, chitarra e basso elettrico e il loro è un genere che è stato definito “New acoustic music”. A detta dello stesso quintetto, si tratta di una sorta di “fusion di Rock Blues e Pop con influenze Jazz ed Etno più una spruzzata di Country”. In effetti nelle loro canzoni c’è tutto questo. A cominciare da Mio capitano, il pezzo d’apertura del lavoro, che alterna atmosfere arabeggianti a echi di West Coast - anche nell’uso delle voci, che a tratti ricordano le armonie di CSNY - con un risultato davvero piacevole.

E la piacevolezza continua, da Sono sogni, brano numero due, alla fine del disco. I sogni in questione si appoggiano su violino e contrabbasso e sono sogni in qualche modo solari, come solare è l’atmosfera che sprizza da tutto il lavoro.

Oltre a sette brani originali il cd contiene quattro cover, tra cui una versione in chiave acustica di You’re the one that I want (dalla colonna sonora del film Grease), rielaborata in chiave country e Video Killed the Radio Star, mitico brano dei Buggles, anch’esso piegato agli stilemi della “New acoustic music” con un risultato più che discreto.

Forse la chiave di volta del disco si può trovare proprio nel titolo di questo terzo lavoro
"Tutte le direzioni", quasi a significare i territori esplorati, le musiche ascoltate, la strada percorsa.

Ma la cosa che colpisce in questo lavoro, è la gioia di suonare che i cinque musicisti veneti riescono a trasmettere all’ascoltatore. Oltre naturalmente alle indubbie capacità tecniche che permettono al gruppo di spaziare aglimente dal rock’n’roll al jazz, dal country al blues, dal bluegrass all’etnica e di saper mescolare il tutto in un cocktail fresco e gradevolissimo.

Mideando String Quartet
"Tutte le direzioni"
Velut Luna - 2007
Nei negozi di dischi o sul sito http://www.ludomentis.com/

Su Bielle

Sul web
My Space
Sito ufficiale
Ultimo aggiornamento: 23-08-2008
HOME