Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Cisco: "Il mulo"
Gronda vita e impegno. Verace
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Cisco
La lunga notte

Modena City Ramblers
Appunti partigiani

Modena City Ramblers
Viva la vida, muera la muerte!

Modena City Ramblers
Radio Rebelde

La Casa del vento
Il pane e le rose

Dodici Corde
Il viaggio

Musicisti:
Cisco Bellotti: voce
La produzione artistica e gli arrangiamenti sono a cura di Francesco Magnelli, come sempre impegnato al pianoforte e ai "Magnellophoni", oltre ai fidati compagni Marzio Del Testa alla batteria e Andrea Salvadori alle chitarre, da sottolineare la presenza di Marco Bachi (Bandabardo') al contrabbasso in tutte le canzoni e le partecipazioni di Alessandro Finaz (chitarra), Massimo Giuntini (uillean pipe), Patrick Wright (violino), Nico Gori al clarino e clarino basso e Vieri Bugli (violino).



Tracklist

1 Il mulo (Magnelli - Bellotti - Rubbiani)
Alla mia cocciutaggine e testardaggine.
2 Multimesc (Magnelli-Bellotti-Salvadori)
Dedicato al popolo Rom e tutti noi poveri "gagi" che non sappiamo piu' sognare.
3 Sotto le nuvole (Rubbiani - Bellotti)
Per tutti quelli che credono nell'aldiqua!
4 Il Paese delle mummie (Rubbiani-Bellotti)
Dedicato a questo nostro povero paese ammuffito!
5 Io so chi sono (Bellotti-Cottica-Magnelli)
Per quelli che hanno molti dubbi e a volte una qualche certezza!
6 Onda Granda (Bellotti - Rubbiani)
Per tutti quelli che ancora attendono l'onda!
7 Funerale per Sigaro e Banda (Rubbiani - Bellotti)
A Luca "Gabibbo" Giacometti.
8 Fantasmi (Bellotti-Rubbiani)
Per tutti quelli che passano la vita a rincorrere fantasmi!
9 I vestiti del cielo (Bellotti - Rubbiani)
Dedicata alla madre di mio figlio. Liberamente tratto da una poesia di William Butler Yeats.
10 Haka (Magnelli - Bellotti)
Dedicata a tutti quelli che pensano che il mondo non sia solo tondo ma anche un po' ovale, schiacciato sui poli!!!
11 Olmo (Rubbiani - Bellotti)
A mio figlio.
12 Anime di passaggio (Bellotti-Magnelli)
All'amico Mario Ferrario e a tutti noi che siamo solo di passaggio, possiamo solo raccogliere, imparare e lasciare.



Forse non emere subito questo "Mulo", ma tenace come è, passo passo, forza forza, spinta spinta arriva comunque a farsi notare. Cisco non è un novellino, ma come solista è arrivato adesso al suo secondo album e, se vogliamo considerare anche tutta l'attività coi Modena City Ramblers, si è pur sempre trattato del miglior gruppo di dilettanti-professionali della musica d'autore italiana. E' per questo e per un approccio in fin dei conti positivo e naif alla vita che le ingenuità all'interno dei dischi di Cisco sono ben accolte, anzi gradite. Perché fanno parte della bellezza e della pulizia del personaggio.

Per fare "Il mulo" si è comportato come il solito:un piccolo aiuto dagli amici e via. E gli amici migliori sono quelli di sempre: in primo luogo Francesco Magnelli, grande gurù dei suoni dell'Appennino tosco-emiliano e Giovanni Rubbiani, ex sodale dei Modena delle origini e mai perso di vista da Cisco, nemmeno dopo l'uscita di Rubbiani dal disco. Poi, tra i coautori delle dodici canzoni che compongono l'album, trova posto anche Alberto Cottica, fondatore dei Modena e dei Fiamma Fiumana.

Cisco è anche co-autore di tutti i brani in forme e modi differenti. E' un solista che non sa rinunciare al lavoro di gruppo. D'altra parte questo succedeva anche col suo primo lavoro solista "La lunga notte"che, rispetto a questo, era altrettanto acerbo, ma molto più Modena oriented. In realtà sembrava una session strappata ai vecchi Modena con qualche spunto nuovo e un pugno di belle o bellissime canzoni: "Diamanti e carbone", ancora con Rubbiani, "Tina", "Come se il mondo", "Terra rossa", "Questo è il momento".

Più o meno "Il mulo" funziona allo stesso modo, ma i Modena sono più lontani. Nond imenticati, perché stanno nei cromosomi e perché, in fin dei conti, buona parte dei Modena erano Cisco (anche per una questione di peso). Ma oltre al disco in sè (ne parleremo tra un attimo) l'operazione de "Il multo" trae una sua bella vitalità dalla presenza nella stessa confezione anche di un dvd, dove, oltre alla riproposizione di un concerto di Cisco alla Casa della Pace di Milano del 27 ottobre 2007, vengono proposti in forma di documentario, i viaggi del cantautore in quest'ultimo anno, soprattutto in Tanzania e Romania. Un lavoro che può ricordare la bella operazione di Massimo Zamboni in "L'inerme e l'imbattibile", il cd+dvd uscito in aprile per i tipi del manifesto. Il dvd è un vero valore aggiunto.

Ma il cd merita eccome! Grintosa e fortissima è l'iniziale "Il mulo", in linea col carattere dell'animale, mentre tenere e dolci sono "I vestiti del cielo", "dedicata alla madre di mio figlio" e ispirata a una poesia di Yeats e "Olmo", in dialetto emiliano, dedicata invece al figlio. Da strizzoni al cuore il "Funerale per sigaro e banda" dedicato a Luca "Gabibbo" Giacometti, il primo membro di Modena ad avere incontrato la signora con la falce.

Poi, qua e là si rincontra tutto il mondo del vecchio Cisco: dai Rom di "Multumesc" alla povera Italia de "Il paese delle mummie", dall'"Onda granda"che verrà e che sarà "acqua fresca c'la pulis la streda" e che sommergerà, cancellerà, coprirà, non perdonerà tutti quelli che ancora attendono l'onda. Ancora da segnalare "Haka", dalle sonorità tribali e dedicata a tutti coloro "che pensano che il mondo non sia solo tondo, ma anche un po' ovale, schiacciato sui poli", un omaggio al rugby che non so se abbia precedenti tra i solchi di un disco. Mi ricordo brani sul calcio, l'automobilismo, persino sul ciclismo e, se vogliamo, pure "Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo" di Cristina D'Avena, ma finora le canzoni sul rugby mi mancavano.

Potrebbe non essere un grande disco, ma è un disco "verace", sincero, fatto da gente con un cuore per gente che quel cuore sa capire, interpretare e vedere. E poi ci sono almeno tre canzoni sopra la media e nessuna che scenda verticalmente sotto. Mi sembra che lo si possa considerare decisamente un buon risultato. E poi Cisco, in fin dei conti, continua a essere quasi un'esordiente. Un compagno di strada, uno che fa piacere incontrare e sentirlo cantare canzoni.

Cisco
"Il Mulo"
Upr - 2008
Nei negozi di dischi, ai concerti o sul sito

Su Bielle
Ascolti: Il mulo

Sul web
Sito ufficiale
Ultimo aggiornamento: 05-10-2008
HOME