Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Edoardo Cerea : "Disperanza"
Per rivivere le emozioni di chi ha scritto le canzoni
di Stefano Giaccone *


Ascolti collegati


Edoardo Cerea
Come se fosse normale

Stefano Giaccone
Tras os montes

Massimo Priviero
Dolce resistenzal

Massimo Chiacchio
Sasso

Ducoli
Taverne, stamberghe e caverne

Paolo Bonfanti
Io non sono io

Musicisti:
Edoardo Cerea: voce, chitarra acustica, armonica.
Mario Congiu: chitarra elettrica, pianoforte.
Mattia Barbieri: batteria.
STefano Schembari: basso.


Musica: Edoardo Cerea
Parole: Marco Peroni
Produzioneartistica.: Mario Congiu

Tracklist

01. Disperanza
02. Trottole
03. Pomeriggio limpido d'inverno
04. Vento d'Africa
05. Filastrocca
06. La mia impronta
07. Vivo
08. Certe cose di me
09. La mosca
10. In ogni fede

Ci sono dei dischi (o dei CD, come dovremmo scrivere ora) che ti viene voglia di risentire subito subito dopo il primo ascolto. Anzi che ti fan venire la voglia di prendere la chitarra e imparare subito un paio di canzoni. Tirare fuori il libretto e fare subito un coro. Ci sono dischi così. Dischi che, mentre ascolti, è come se rivedessi, come se rivivessi gli stessi minuti, ore, cancellature, ripensamenti di chi ha scritto il brano sul foglio, magari in tinello, con la chitarra sulle gambe.

Ma di più: rivedere e ripassare per le sue strade, i suoi ritorni ubriachi, le sue mattine di nebbia, le loro valigie nel baule e la morosa che s’incazza perchè i picchetti della tenda sono rimasti a Varazze, Siniscola, Cadaquez, Palinuro, e le facce spente dei docenti in Facoltà, dei politici in Tivù che tu hai eletto e ti chiedi ancora perchè, della radio spenta con rabbia in auto perchè non c’è un cazzo di nessuno che parla di noi, anzi di loro, quelli che sono venuti dopo, poco dopo di me, che ho mezzo secolo ... o quasi, e che dai loro 28, 31 o 36 anni, si chiedono: perchè sono spesso solo? In panico? Perchè tutto sembra girare, velocissimamente, ma tutto a pagamento e gira e basta, morire su un muro israeliano o incenerito in fabbrica, niente rivoluzione, niente visione della strada, di una storia di cui essere orgogliosi, niente visioni di “superna fica”, per citare i Beat, che sulla strada ci stavano, o niente Love Supreme o niente Bolivia ma solo gadgets elettronici che devi possedere, altrimenti sei un dropout, e se non parli l’inglese, pensi in inglese che è peggio.

E allora vai a cercarti Pasolini, Gramsci, De Andrè e quel poco che resiste, per talento, lucidità, forza, emozione. E sotto il solleone global warming (e On the Road diventa solo The Road di Corman McCarthy---leggetelo fratelli e sorelle---) ti ritrovi a cantare col Liga e i tuoi bambini “Si nasce incendiari e si muore pompieri, cosi diiii---cooo---noooo” e appunto “chi lo dice?”, chi ci sta parlando, chi ha massacrato la nostra (anzi, la loro) gioventù con carrierismo, informatica, vecchia piccola borghesia travestita da punk emiliano, droghe CIA, socialismo svenduto per un paio di poltrone guerrafondaie? C’è qualcun’altro a parlarci? Qualcun’altro che sa fare musica come bere un caffè con Errico Malatesta e parlare di politica, amore, dolore, gioia sconfinata e musica e musica e musica, che sa incendiarti l’anima per sempre come London Calling, Creuza de Mà, Blonde on Blonde, Archie Shepp, Daniele Sepe, Lalli e tanti altri che ci sono, sono lì dietro, brothers and sisters, spegnete la televisione e cercateli, ascoltateli, risuonateli.

Io scrivo canzoni. Anche la musica. Suono (spesso) canzoni che trovo in giro. Non faccio recensioni. “Disperanza” è uno dei dischi più belli, più importanti degli ultimi venti anni. Suoni, produzione, testi, grafica, voce e tutto quel che ci vuole: grande, grandissimo livello. Leggete le note e capirete chi c’è dietro (o, meglio, dentro) questo CD. Pubblicato da La Locomotiva, quella che pubblica i miei CD.

Edo e Marco, Mario e Pino sono tutti amici fraterni. Nessuno mi ha pagato per scrivere queste righe, nessuno me lo ha nemmeno chiesto! Quindi dico quel cazzo che mi pare. Il “controcanto” nella prima canzone (......”a qualcuno importa”) è tutto ciò che ci vuole per essere amati: cuore, esperienza, esecuzione, confidenza. Per esseri dei Capi, come dicono i ragazzi di oggi. Capi Indiani, vorrei dire io, quelli incatenati su una scarpata della ferrovia che ci guardano dalle foto ossidate di 100 anni fa. Ma li han fatti sudare quei bastardi prima di farsi beccare. A qualcuno importa. Appunto.


Edoardo Cerea
"Disperanza
"
La Locomotiva - 2008
In qualche negozio di dischi o sul sito www.la-locomotiva.com


* = Stefano Giaccone, cantautore, scrittore, musicista, ex membro fondatore dei Franti, è considerato uno dei più rilevanti musicisti della scena indipendente italiana.

Su Bielle

Sul web
My space
 
Ultimo aggiornamento: 09-03-2008
HOME