Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Gianna Nannini: "Gianna best"
Cosa si può volere di più? Tutto il meglio di Gianna
di Moka


Ascolti collegati


Gianna Nannini
Grazie

Gianna Nannini
Pia, come la penso io

Gianna Nannini
Gianna Dream

Gianna Nannini
Aria

Gianna Nannini
Perle

Pino Daniele
Electric jam

Musicisti:


Tracklist

01. Suicidio d’amore
02. Mosca Cieca
03. Possiamo Sempre
04. Pazienza
05. Sei nell'anima
06. Dolente Pia
07. Radio Baccano
08. Io senza te
09. Scandalo
10. Mura mura
11. Meravigliosa creatura
12. America
13. Revolution
14. California
15. Sola con la vela
16. Meravigliosa creatura
17. Io
18. Fotoromanza
19. Ragazzo dell'Europa
20. Una luce
21. Profumo
22. Bello e Impossibile
23. Latin lover
24. I maschi
25. Amandoti
26. Elisir
27. Aria
28. Notti senza cuore
29. Alla fine
30. Un desiderio
31. Una luce


Diciamola subito tutta, così non sbagliamo più. Esiste qualcuno che si sente di criticare un album che propone in rapida sequenza canzoni come "Meravigliosa creatura", "America", "California", "Fotoromanza", "Ragazzo dell'Europa", "Profumo", "Bello e impossibile", "Latin lover", "I maschi", "Amandoti" e "Aria"? E allora diciamocelo subito che non stiamo qui a pettinare le foche monache! Un "Gianna Best" non lo si critica. Lo si adora e basta!

Al massimo possiamo metterci a sindacare sulla scaletta o su qualche esclusione più o meno incomprensibile (e qualche inclusione recente forse azzardata). D'altra parte quando un'artista ha alle spalle 33 anni di carriera, 24 album di cui 6 di raccolte, compresa questa e 170 brani malcontati nel carniere è veramente difficile fare una cernita sensata e inequivocabile.

Cosa si può dire quindi di "Giannabest"? Che è la raccolta più completa esistente per la Nannini, che è un disco imprescindibile per chi non abbia niente della cantante toscana che, altrettanto parimenti, è l'ottava riproposizione di "Bello e impossibile", "Fotoromanza" e "Profumo". Chi quindi già possiede un po' di materiale della Gianna si troverebbe in mano una serie notevole di doppioni, ma d'altra parte questo è il limite di tutto i Best!

Fatto salvo questo, inevitabile, problema, restate davanti a oltre due ore di canzoni della Nannini: il consiglio è di non sorbirvele tutte d'un fiato. Se infatti la Nannini è sempre brava e sempre interessante
(con ogni probabilità la più interessante autrice e cantante mai uscita sotto i cieli d'Italia) non si può dire che sia altrettanto duttile. Dice lei che il suo stile lo si può definire un "Puccini-rock" e per una volta si può anche concordare con l'autodefinizione. Ampi squarci melodici quasi da romanza, preparati da un incedere ritmico pulsante e seguiti da urla che sembrano venire dal profondo dell'anima.

Paesaggi urbani seguiti da improvvise aperture in parchi, paesaggi montani con impreviste radure, paesaggi di mare in tempesta a cui segue la calma della baia. Una scarica di adrenalina, sentimenti ed emozioni difficili da reggere per la lunga durata di un doppio album.

Ma se ascoltata con giudizio e prudenza questa raccolta può essere una gioia sopraffina per più di un palato, sia al maschile che al femminile. Gianna la donna che avreste voluto essere, Gianna l'amica, Gianna la ribelle, Gianna la diversa ma con un cuore d'oro, Gianna fascinosa per quanto tenebrosa, sfuggente e nervile come un cavallo arabo, inafferrabile come la sabbia e il vento eppure concreta e sempre presente. Insomma, via, è un imperdibile!

Gianna Nannini
"Gianna Best"
Sony Music Polydor - 2008
In tutti i negozi di dischi

Su Bielle

Sul web
Sito ufficiale
Ultimo aggiornamento: 22-05-2009
HOME