Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Giulia Anania: "Giulia Anania"
I giusti tempi di una poesia post provenzale
di Corrado Sciò


Ascolti collegati


Fosca,Bernardo, Santese
Ballate di fine inverno

Giulia Anania
Giulia Anania

Mattia Donna
Sul fianco della strada

Priska
Le fureur du papavoine

Lucia Lombardo
Il passo dei lupi

Otto Ohm
Naif

Musicisti:






Siamo di fronte a un caso raro, una cantautrice che smarca il nord ed esplode al sud. Un sud concettuale che riguarda lo smaltimento delle arti nelle aree depresse della geografia rurale. Il sud dei poeti anonimi che scrivevano in lingua d’oc, trasferitesi dalla Francia alla Magna Curia siciliana di Federico II. Un sud seppellito nelle intestazioni che tuttavia non è scomparso, ma si è ben incarnato nelle giuste e rare testimonianze di quelle forme d’arte che non rientrano nei libri paga.

Le canzoni dell’Anania sono vestite di piccola cronaca, parlano di tentati sentimenti, a volte trucidati e a volte ricuciti, di esigenze di fiducia, di estensioni amorali meravigliosamente normali.

L’approccio tipicamente acustico che libera i testi dalle difficili e indecifrabili baraonde del pop, nonché la consueta presenza al suo fianco dell’ottimo Max Trani (chitarrista poliedrico), rivalutano ulteriormente il concetto di Duo agli occhi di una canzone italiana ridotta fra Tricarico e il De Gregori sull’orlo del pensionamento. Il tutto avviene perché Giulia Anania naviga su canali differenziali a quelli dei megastore, completamente immersa in quel patrimonio semisconosciuto che è croce e delizia per chi ama la Moseca (per dirla alla Totò) e un po’ meno le scemenze con cui viene impacchettata e distribuita nella Repubblica Oligopolio fondata su Sanremo.

I risultati sono ottimi.

Un gioco al rimpatrio dei desideri nel senso epicureista, ma allo stesso tempo di liberazione dai canoni severi della canzone straccivendola e a lieto fine.

Un messaggio verso tutto quel becero che finché non lo colpisci non cadrà mai da solo. Un crescendo che smembra ogni teoria compartimentale e ci insegna che esiste una guittezza dell’amarezza curabile a piccole dosi: di rimedi Giulia ne ha suggeriti tanti… all’ascoltatore non resta che sceglierne uno.


Info: www.myspace.com/giulianania


Giulia Anania
"Giulia Anania"
Autoprodotto - 2008
Solo sul sito

Su Bielle
Intervista

Sul web
MySpace
Ultimo aggiornamento: 08-06-2008
HOME