Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Pablo Ciallella: "Pablo Ciallella"
La cosa peggiore è la copertina
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Simone Cristicchi
Fabbricante di canzoni

Simone Cristicchi
Dall'altra parte del cancello

Giuseppe Righini
Spettri sospetti

Fiumanò DomenicoVioli
Il biciclettista

Dente
Non c'è due senza te

Bugo
Sentimento westernato

 

Musicisti:



Pablo Cialella: testi e musica
Mara Maionchi: direzione artistica
A rrangiamenti: Vernetti e Marco Prati

Tracklist

01. Dura la vita a Milano citta'
02. Mi manchi
03. Rincoglionito
04. La lavatrice
05. Fast food universale
06. Le cartine della nonna
07. Penso a te
08. Depressione blu
09. Alla fermata dell'autobus
10. L'albero delle canzoni




La cosa peggiore di questo disco è la copertina. Se riuscite a sopravvivere a quella, tutto il resto scorrerà con piacere. Pablo Cialella ha qualche qualità per essere giudicato interessante e sarebbe un vero peccato se una copertina simile dovesse fermarvi. Ma la domanda viene lo stesso. Chi l'ha pensata? E perché? Cosa gli aveva fatto di male Cialella? Oppure questa è la sua miglior foto in assoluto e Cialella di giorno sta nascosto tra le guglie di Notre Dame? Domande a cui qui dentro non troverete risposta. Le troverete invece alla domanda: vale la pena? Che musica fa? Cialella è bravo e non banale, ironico il giusto (ma la faccia in copertina è da satira violenta!) e dotato di buon bagaglio musicale. Le sue canzoni non si dimenticano in fretta.

Se Dura la vita a Milano città deve essere un po' inesa come il brano che lo ha lanciato ed imposto all'attenzione di una major, "Rincoglionito" è il secondo singolo, quello che lo ha confermato. Ma Ciallella non è tutto qua. Forse queste, per quanto carine, sono le due canzoni più facili dell'album, per un autore che invece ha anche altre ambizioni che non essere solo un altro fenomeno di simpatia un po' pazzoide. Fatte le debite proporzioni credo che con Ciallella si stia tentando un po' la stessa operazione riuscita con Simone Cristicchi. Solo che Cristicchi non era solo un clown triste. E lo ha dimostrato. E Nemmeno Ciallella si ferma qui. La stoffa c'è. E trama ordito forse. Stiamo a vedere.

Partiamo dall'inizio: chi è Pablo Cialella? Marcelo Pablo Ciallella - dicono le note biografiche - nasce a Lomas de Zamora, una delle periferie più povere di Buenos Aires, da papà italiano e mamma argentina. Arriva in Italia nel 1987 e si appassiona subito alla lingua italiana e alle canzoni popolari come "Mamma mia dammi cento lire", “Tu vuo’ fà l'ammericano", "Il ragazzo della via Gluck". La musica popolare del Sudamerica, mescolata a quella italiana che si ascoltava in casa, è la sua influenze principale. Da una prima formazioenrock, tendenteall'hard rock, scopre i cantautori: Bob Dylan e De André su tutti. Arriva a Milano nel 2001 e si imbatte in Mara Maionchi, sì, proprio quella di X-Factor e da lì partono i tentativi per l'affermazione.

Intendiamoci, si tratta solo di buoni semi, di spunti interessanti, di canzoni tutte ascoltabili ed alcune anche buone. "Dura la vita a Milano città", insiemea a qualche stereotipo, allinea squarci di vita metropolitana ben serviti da un accompagnamento duro, da racconto metropolitano. Più talking che rap.

"L'albero delle canzoni" ha invece interessanti sonorità sixty, qualcosa di progressive nell'aria sospesa della strofa e un testo che stimola qualche leggera inquietudine unendo il tema delle droghe a quello magico. "Rincoglionito" e "La lavatrice" sono invece due brani decisamente sul versante protodemenziale, quelli che potrebbero far pendere la bilancia verso Elio e le storie tese o verso Pippo Franco, a seconda dell'inclinazione scelta.

Buona "Mi manchi", lento d'atmosfera, e più generica "Alla fermata dell'autobus". Carina "Fast food universale", vagamente pop blues, anche se tutti i brani (e questa è una caratteristica di Ciallella) hanno buona musicalità e ritornelli quasi sempre destinati a scolpirsi in testa. Che uso faranno di Ciallella? Non è dato ancora sapersi. Sta in una major e le scelte non saranno quindi facili. Qualche qualità c'è, della personalità anche. Lo sapranno far crescere sotto la paglia o lo bruceranno con immagini di copertina come questa? Al prossimo disco la risposta.

Pablo Cialella
"Pablo Cialella"
Atlantic Warners - 2008
Nei negozi di dischi

Sul web
Sito ufficiale
MySpace
Ultimo aggiornamento: 13-05-2008
HOME