Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Nuove Tribù Zulu: "Gente del cielo"
Le buone intenzioni finiscono in crusca
di Moka


Ascolti collegati


Nuove Tribù Zulu
L'unione dei mondi

Ratti della Sabina
Circobirò

Tetes de bois
Avanti pop

Gang
Il seme e la speranza

Ratti della Sabina
A passo lento

Indaco
Porte d'Oriente

Musicisti:
Andrea Camerini (voce, cori);
Paolo Camerini (contrabbasso, basso)
Roberto Berini (batteria, percussioni, cori)

Hanno suonato:
Giacomo Anselmi (chitarre);
Fabrizio Siciliano (piano, tastiere)
Giuseppe La Stella (trombone)
Luca Peverini (violoncello)
Marcello Sirignano (violino,
viola, archi)
Gianluca Casadei (fisarmonica)
Eric Daniel (sassofono)
Mike Appelbound (tromba)
Micky Piperno (chitarre)
Silvia Battisti D'Amario (viola)

Prodotto da Laura Di Nitto e Nuove Tribù Zulu
Musica: A.Camerini/R. Berini/P. Camerini ecctto "Da domani cambio vita", "io vivo così" e "Il Dio dentro" di A.Camerini/ R.Berini, P.Camerini e F.Siciliano

Testi di A. Camerini
Tracklist

1. “Da domani cambio vita”
2.“ Errante nel sole”
3. “Maria del mar”
4. “Controvento”
5. “Io vivo così”
6. “Sangue sacro”
7. “Signor Mandrake”
8. “La garanzia”
9. “Il sogno di Aurora”
10.“Angeli”
11.“Fuori”
12.“Figli del nostro domani”
13.“Il Dio dentro”

Album difficile da valutare quanto altri mai. Sembra, per l'esattezza, un album iniziato con tante buone intenzioni, e poi finito in studio in fretta, un po' alla "come viene viene", Questo ptorebbe spiegare qualche insospettabile variazione di registri stilistici e soprattutto qualche testo decisamente tirato via, Intendiamoci, le Nuove Tribù Zulu, gruppo stradaiolo romano, primo artefice, non sono mai stati preziosi artigiani della parola, non lavorano di intarsio e di bulino, ma fanno buona musica. Questo disco è diviso in due: una prima parte piuttosta buona, una parte centrale tediosa e faticosa, un finale di nuovo in crescita. Insomma, ci sono delle buone canzoni, ma non tutto è all'altezza.

Il gruppo dei due fratelli Camerini (Andrea e Paolo, niente a che vedere con Alberto) e di Roberto Berini propone la sua miscela di musica che parte dal folk, sfiora la patchanka e vaga un po' per le strade del mondo in questo terzo disco della serie che segna, tutto sommato, una tappa in avanti nella loro storia, prendendo spunto da un recente viaggio in Kwa Zulu Natal in Sudafrica dove, per conto della Fnsi (Federazione Nazionale della Stampa Italiana), il gruppo ha condotto una serie di laboratori con i bambini presso l’ Afrika Cultural Center per il progetto “A Song For Peace".

L'inizio è più che buono: "Da domani cambio vita" è folk carico, ingenuamento populista, ma in senso buono ("Ho visto gente che cacciava via tutti gli ipocriti / ristabiliva nelle piazze pace e verità"). Nella canzone anche una citazione da stornello romano ("Questa canzone è semplice e intonata / ma non basta fa 'na serenata" citazione da "Tanto pe' cantà" di Nino Manfredi). "Errante nel sole" vola un po' più alta e tenta anche la carta di un testo che flirta con la metafisica ("Il cielo si è aperto e il mio cavallo non lo sa / destino sofferto - assenza di gravità"). Il risultato è molto gradevole.

Il terzo brano è forse il migliore del disco: "Maria del mar". Introduzione lenta e d'atmosfera con ottimi colori di leggere percussioni e quindi un'esplosione di felicità finale di pura musica latino-americana. Una delizia. Il clima da leggera favola richiama proprio le escursioni brasiliane dell'altro Camerini (Alberto). Ottimi gli impasti vocali e la struttura del brano, che si coniuga benissimo con i climi estivi. Se avesse goduto di un adeguato airplay avrebbe spopolato anche sulle spiagge.

Scorre tranquilla, ma forse un po' anonima "Controvento", mal sostenuto da un testo un po' tetro ("Maledetto quel giorno che non ho sparato / per primo al suo petto / Benedetto è il nome di quello che invece / non ebbe pietà / io mi porto nel cuore il tuo marchio / ed un fiore ormai marcio"). Storia di amore e di coltello o di ordinaria malavita.

"Io vivo così" è canzone sdoppiata, con buona musicalità, ma un testo pretenzioso: "Io vivò così / un po' bohemien / l'amore è qui adesso ed è eterno / ... / Io non fumo più e nont rovo Dio in un bicchiere di assenzio". Bella comunque l'interpretazione molto sentita.

La stessa sensazione che dà "Sangue sacro" che peraltro è meglio riuscita, C'è un po' questo clima da afflato universale, vagamente new-agista, ma la musica è avvolgente e pregnante. Per chi ci crede è consolante e misterica al punto giusto. Se ci si lascia trascinare la canzone fa l'effetto del fiume: levigata, scorrevole e profonda.

"Signor Mandrake" invece è una cazzatiella. Mandrake come mago, come capo mafioso, come simbolo del malaffare, ma il tutto chiuso dentro una successione di parole banali e una musichetta circense che fatica a trovare un suo senso. Insomma: non diverte, non è comica, non porta alcuna denuncia particolare. Un brano inutile.

Non mi piace nemmeno il pezzo successivo: "La garanzia", che su un impatto rock anni '70 butta lì un po' di frasi nel mucchio, in un brano che ha scarsissima dinamica melodica, al servizio di un testo che è un lungo elenco: "Suono e quindi sono / un pirata, un esorcista / un eremita, un illusionista / un poeta / un missionario / un astronauta, un fachiro indiano / una vibrazione che esplode d'amore". Noiosetto anziché no.

"Il sogno di Aurora" è un brano che avrebbe potuto tranquillamente essere tagliato fuori dalla scaletta senza colpo ferire: rima baciata e consunta (perfetto/letto, movimento/vento, sole/colore). La musica è quasi più noiosa della cantilena del testo. Il testo punta sulla favoletta, ma questa volta la magia non c'è. Il disco è pure lungo: un colpo di forbici avrebbe fornito un aiuto all'ascolto.

"Angeli" ci riprova con la stessa formula ma con musica più pacata: le rime sono ancora baciate e scontate (dita/vita, colori/cuori, mare/danzare, accendere/sorprendere/difendere), mentre il tema
questa volta è fastidiosamente puntata sul versante spirituale. La canzone non lievita. Come un soufflé sgonfio.

Con "Fuori" abbiamo qualche segnale di ripresa dopo una parte centrale molto mal messa. Il brano è lento e intenso e non manca di qualche "gancio" adatto ad attirare l'attenzione. Il disco riprende quota come dimostra la successiva lunga e coinvolgente "Figli del nostro domani" che propone sonorità un po' desuete, quasi psichedeliche o progressive. Pare di essere precipitati negli anni '70, periodo in cui, peraltro, si faceva dell'ottima musica ("Operai lavorano al destino della terra / tracciano le rotte di una nuova umanità / lascia sussurrare il movimento della terra / lascia che dall'acqua nasca un'altra identità").Unalunga coda strumentale porta la canzone asuperare i 5 minuti, acuendo la sensazione di straniamento temporale. Buon brano.

Il finale è appannagio de "Il Dio dentro". In alcuni momenti sembra di sentire Claudio Rocchi nel pieno del suo trip indiano (anche la Nuova Tribù Zulu è reduce da una viaggio in India), però gli spunti non sono male: "Il diavolo povero cornuto / un'invenzione congegnata per controllare./ Cercavamo la dissonanza e il passaggio delle comete in cielo / ci immergevamo nei laghi stellari / contemplando l'immutabile". Anche qui il tema della spiritualità è centrale, forse più che in altre canzoni, ma il mezzo usato per esprimerlo funziona. La canzone è potente e rappresenta un degno finale.

Come dicevamo all'inizio ne esce un disco-panino, con testa e coda da apprezzare e parte centrale poco indovinata: la lunghezza globale dell'opera (poco meno di un'ora) poteva consigliare maggior equilibrio nella scelta dei pezzi. Oppure ancora è stata la fretta di chiudere il prodotto cattiva consigliera. Non avendo mezzi per saperlo resta un disco bicipite, dove i momenti piacevoli si alternano a quelli meno riusciti. Il progetto zingaro-folk-rock comunque è meglio racchiuso nella prima parte dell'album. Buono a metà.

Nuove Tribù Zulu
"Gente del cielo"

Moletto/Venus - 2007
Nei negozi di dischi

 

Su Bielle

Sul web

Sito ufficiale
My space
Ultimo aggiornamento: 10-09-2007
HOME