Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Marco Massa: "Nelle migliori famiglie"

 

 

 

 

 


Ascolti collegati


Mattia Donna
Sul fianco della strada

Dente
Non c'è due senza te

Pino Daniele
Io vivo qui

Ettore Giuradei
Panciastorie

Pacifico
Café tropical

Daniele Silvestri
Latitante

Piccole canzoni tranquille, un concept mascherato
di Moka

Non è di primo pelo Marco Massa, ma finora non mi era mai capitato di incontrarlo all'ascolto. L'incontro va annoverato tra le esperienze positive Sono dieci canzoni che in qualche modo ruotano attorno al concetto degli anni settanta e al tema della famiglia. La canzone guida "Liberi nel vento", con cui si apre l'album, per metterci subito nel clima parte con la telecronaca di Nando Martellini che ricorda la rete di Boninsegna nella semifinale Italia-Germania di Messico '70. Il clima musicale è però leggermente successivo: anni '80/'90 e il richiamo più immediato è per Pino Daniele a cui rimandano sia le armonie vocali (e i falsetti) che le trame chitarristiche. Il brano comunque non è di quelli da prendere sotto gamba: variegato e nostalgico. Quasi come un gelato all'amarena.

Massa è nato a Milano nel 1963, ai tempi della mitica Italia-Germania aveva 7 anni e ne aveva ancora pochini quando "la lotta era continua, potere agli operai", ma questo conta solo fino a un certo punto. Formatosi alla chitarra con Franco Cerri e al debutto sul palco con Renato Sellani viene quindi da un approccio jazz alla musica, su cui si innestano successivamente influenza di bossanova e una conoscenza non marginale del mondo cantautorale. "La ragazza mia", secono brano del disco, ricorda parecchio "3/4" di Gianmaria Testa, in altri passaggi si sentono echi e ricordi di Ivan Graziani, di De Gregori e di altri, mentre "Black out"ricorda qualcosa del Bennato degli esordi. La prima uscita pubblica di Massa come cantautore è con la vittoria al premio Recanati del '99 con il brano "Come un Tuareg". E il 22 giugno di quest'anno arriva infine "Nelle migliori famiglie".

Si diceva una sorta di concept mascherato: gli anni '70 sono trasversali al disco, ma non centrali. Si può benissimo ascoltare il tutto come una semplice raccolta di canzoni. Eppure: “Ogni canzone ruota attorno al tema della memoria, della famiglia e del ricordo - dichiara Massa - a partire dalla copertina, una foto del 1956 scattata a mia madre mentre tiene tra le braccia mia sorella. La trovo bellissima, intima”.

La trama delle canzoni di Marco Massa è tenue, ma non esangue. Come dire, si sente che ci si trova di fronte un artista maturo e con alle spalle un bel carico di esperienze e tanti ascolti nel genere. "Era maggio" è forse la canzone più completa, quella che coniuga al meglio testo e musica, con uno slargo finale di grande respiro: "Lascia che sia "il tempo infame / a ricordarci quello che siamo / dentro di noi / la verità la conosciamo / ritornerà /siamo in cerca tutti di qualcosa / di un qualcosa che non è accaduto in tranquillità".

Ma non è la sola: "Sono proprio un duro" è a sua volta basata su un ritornello che ti si incista nel pensiero e che non si toglie più nemmeno col candeggio: "Inutile far finta di non essere capace / di mettere la rima con la voce / difficilmente siamo solo in due / anime che volano nel cielo tra gli spigoli due passi palme sole mare e isole / Probabilmente siamo solo in due".

"Che vuoi che sia" è l'oasi acustica che chiude l'album, eseguita a due voci con Tiziana C: delicata e soave, in puro Concato-style. Marco Massa, come nelle migliori famiglie dei cantautori.


Marco Massa
"Nelle migliori famiglie"

Tranquillo - 2007
In tutti i negozi di dischi

Tracklist

1. Liberi nel vento
2. La ragazza mia
3. Come un pugile suonato
4. Era maggio
5. Black out
6. Ninnananna
7. Crudelity show
8. Nonostante tu, nonostante io
9. Sono proprio un duro
10. Che vuoi che sia


Testi e musiche: Marco Massa
tranne Ninnananna
(Massa/Marsico), Nonostante
tu, nonostante io e Black out
(Massa/Dall'Ora)

Hanno suonato:
Marco Massa (voce, chitarra, cori,
batterie, programmazione)
Stefano Dall'Ora (programmazione,
basso, contrabbasso,
chitarre, batterie, cori)
Maurizio Marsico (piano, organo,
direzione creativa)
Tiziana C. (voce in Che vuoi che sia)
Renato Sellani (pianoforte in
Ninnananna)
Marcello Schena (batteria in
Era maggio)

Arrangiamenti: Marco Massa, Stefano Dall'Ora, Maurizio Marsico)
Prodotto da Stefano Barzan

 

Sul web
Sito ufficiale
My space
 
Ultimo aggiornamento: 07-08-2007
HOME