Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Gianluca Bargis: "Niente di personale"


Ascolti collegati


Federico Sirianni
Dal basso dei cieli

Massimo Lajolo
Distanze

Giaccone e Congiu
Una canzone senza finale

Francesco Sullo
Cinque canzoni

Mattia Donna
Sul fianco della strada

Stefano Amen
Stravecchio

Tracklist

1. Al mezzanino
2. Querida
3. Ho capito che mi odio
4. Il ballo degli idioti
5. Campostanco
6. Elena lo sa
7. Non dormo piu
8. Erri Capone
9. Amo solo te

Hanno suonato:

Gianluca Bargis (voce, chitarra acustica, chitarra elettrica, armonica, tastiera, basso elettrico)
Fabrizio Sanna (percussioni)
Marco Piccirillo (contrabbasso)
Matteo Castellano (organetto)
Fabrizio Scolletta (metallofono)
Stefano Amen (cori)

La personalità del cantautore
di Giorgio Maimone
Se c'è qualcosa che non dice la verità è il titolo di questo album. Nel senso che una cosa va soprattutto riconosciuta a Gianluca Bargis: che la personalità c'è. Ossia che in "Niente di personale" c'è molto di personale. Fondamentalmente sconosciuto e al suo primo disco solista, dopo un mini cd di cinque brani realizzato dal gruppo Ladeira do pelourinho (il cd si chiama come il gruppo), prende le mossa dallo stesso humus torinese dove fanno bella mostra di sé Massimo Lajolo o Stefano Amen, ma anche tanti altri esponenti della musica d'autore (l'aggancio, peraltro, è una garanzia: il primo a nominarmi Gianluca Bargis è stato Federico Sirianni).

Se volessimo esagerare (ma lo vogliamo) spenderemmo il nome di J.J.Cale per ricordare la musica di Gianluca: pochi strumenti, chitarra in evidenza (elettrica) cone belle trame solistiche, voce pacata e rallentata, ogni tanto un slide o uno sferragliare solatio di armonica. Tutto in modo parco e con lentezza, un mondo rallentato dove si infilano le perle della collana di queste nove canzoni, una più bella dell'altra.

Bargis, dicevamo, ha personalità, un bellissimo tocco chitarristico ed una voce bassa e usata sottovoce che colpisce sempre e che lascia il segno. Non solo, ma con intensità crescente. Il disco colpisce subito al primo ascolto, perché, pur pascolando nel recinto del rock blues lo fa in modo personale, ma soprattutto colpisce con gli ascolti successivi. E' una musica che si fa strada e che si impone con la tranquilla forza della sua essenza. Quadri intimistici, semplici, la poesia è lasciata ai suoni che, anche nelle parole, rincorrono una musicalità diffusa.

L'inizio è subito molto forte. Siamo in pieno tex-mex con "Il mezzanino", vaghi tocchi morriconiani di chitarra, un'armonica remota in secondo piano e una fisarmonica che divaga. Fossero fotografie le canzoni di Bargis avrebbero una caratteristica di stile che le renderebbe uniche: tutto sta in secondo piano. Uniche in Italia, perché in America c'è, per l'appunto J.J.Cale che lavora in modo analogo. Non c'è niente al proscenio, se non il palco vuoto e il vento che su esso sposta i rowhide, gli arbusti del deserto. Molto forte l'inizio: "Oste, diamoci da fare / portami calice e boccale". Storie di "randagi nelle notte / tra il vino e l'agonia", ma condotte con maestria.

"Querida" è ancora di più tex-mex, dal linguaggio in giù: basso e batteria incalzanti, chitarra solista e qualche nota di un simil-Hammond, oltre a un coro da cani scossi dietro il quale dovrebbe celarsi il buon Stefano Amen (l'unico discepolo conosciuto di Luigi Grechi!: suo l'ottimo "Fammi un euro di stravecchio"). "Sai mi querida / obliarti non è quello che faccio / non è la verdad".

"Ho capito che mi odio", terzo capitolo della saga: contrabbasso e spazzole, chitarra e un fondo remoto di organetto (Matteo Castellano, quello di "I funghi velenosi"). "Questi viali di foglie croccanti che non hanno termine / io in calzature di neve senza niente da perdere / faccio la solita strada dal buio al tramonto / mentre mi cola dagli occhi una vena di sangue (scaduto)". Tempo dilatato allo stremo, estenuato peregrinare tra Porta Palazzo e il Texas.

Molto più energetica "Il ballo degli idioti". Batteria in evidenza, solista morriconiana e tanta stamina. Il brano funziona ottimamente e anche lo stacco di atmosfera dalla stanchezza estenuta di prima all'energia di ora ottiene l'effetto risveglio sperato.

Per sottolineare ulteriormente il contratto, il brano successivo è "Campostanco", un magnifico blues lento: "Stanco come un vecchio stanco imbabolato alla tv / stanco per il ronzio del frigo e di farci capolino /e sentirsi meno stanco al fresco di una birra in più". Stanco solo a sentirla, perché è perfetta! La canzone che crea un'atmosfera. C'è tutto e niente. Vuoto, caldo, pigrizia, afa, afasia.

"Elena lo sa" è chitarra acustica che introduce a una situazione d'attesa: "il tempo è solo un bosco di ricordi / e tutto quello che ai ricordi sta davanti ricordo si farà / passerà". "La vita sai va presa per il collo / prima che ti strozzi lei". "Ed Elena non sa / che mi piace ascoltare / lo sfregolio che fa / con la matita sul cartone". E l'arpeggio continua il suo cammino per tutti i 4'30" della canzone, facendo scivolare anche noi in mezzo a questo bosco di ricordi. Una delizia!

Come pure un grande pezzo è il successivo "Non dormo più", dal piglio desertico, più jjcaliano di quanto potrebbe fare lo stesso JJ Cale. "Non dormo più / è questo è un fatto / che mi lascia scosso / e perplesso". Chitarra, armonica e slide, per quanto la slide non sia presente tra la strumentazione annunciata. Non sembra un pezzo di un italiano, ma il testo è cucito a meraviglia negli spazi musicali disegnati all'ombra dei cactus, per i 6'03" per cui viene lasciata correre la canzone. Come un rubinetto lasciato oziosamente aperto sul retro di una casa di campagna. Ipnotica.

"Erri Cappone" non so chi sia e, francamente, non lo si capisce dal testo. Quasi un tango per raccontare che "Erri entra in quel giaccone / infila il portone al calar del sole e calca la firma del tuo stesso scarpone /corri / senza mai esitare". Storie normali di malavita leggera.

Chiude degnamente uno splendido primo lavoro solistico la lenta e intensa "Amo solo te". Anche qui quasi solo chitarra acustica e armonica. Un'altra perla che chiude nel migliore dei modi i poco più di 40 minuti in cui si articola "Niente di personale". Grande voce, ottima chitarra, belle idee musicali. Se tutti i demo fossero fatti così sarebbe davvero un bell'ascoltare. Buone nuove da Torino. Grande musica sotto la Mole, notoriamente provincia dell'Oklahoma. Cercatelo.


Gianluca Bargis
"Niente di personale"

Demo - 2007
In nessun negozio di dischi (contatti fabsanna@gmail.com)



Sul web

Su MySpace
 
Ultimo aggiornamento: 06-05-2007
HOME