Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Loredana Bertè: "Baby Bertè"

Scomoda, senza veli e sincera
di Dodo

Torniamo a parlare di Loredana Bertè, con un po’ di ritardo, cogliendo l’occasione di una stampa a tiratura limitata davvero unica (la prima al mondo, pare!): torna nei negozi BabyBertè, l’ultimo disco della cantante calabrese, in versione “bauletto”. Già il disco e’ molto ricco, pieno di canzoni (e messaggi lasciati nella segreteria telefonica di casa Bertè da fan e amici-VIP come Asia Argento, Renato Zero, Dori Ghezzi e Morgan e tanti altri).

Ora il cofanetto propone un librone ricco di “pop-up”, le pagine che si aprono formando divertenti illustrazioni tridimensionali (come i libri per bambini), con tanto di scomparti, fustelle e biglietti estraibili, (quasi) tutto ideato e disegnato dall’inquieta artista. Oltre al demo di Dimmi che mi ami del 2002 (più altri scomparti “a fisarmonica” per infilarci i prossimi singoli eventualmente in uscita) e a un Dvd con i tre mitici video in stile “Dogma95” del progetto Loredasia, girati da Asia Argento qualche anno fa per i brani Notti senza luna, Mercedes Benz e Io ballo sola: cult imperdibile!

Se il disco era uscito a prezzo economico, questo cofanetto è anch’esso proposto a un prezzo molto onesto, rispetto ai tanti contenuti offerti. Tutto questo, se siete vecchi fans della regina delle icone rock al femminile, vi potrà bastare per correre nei negozi di dischi. Per tutti gli altri, passiamo alle canzoni che compongono l’album, tralasciando tutti i contorni, seppur piacevoli e meritori (che rendono l’oggetto assolutamente da acquistare, scaricarlo dalla rete vorrebbe dire perdere troppe chicche sfiziose!).



Quasi interamente scritto da Loredana con il fidato Philippe Leon, Babybertè è un bel disco suonato “come una volta”, in presa diretta, ruvido e arrabbiato, a volte tenero e disperato, come non poteva che essere un album della Bertè del nuovo millennio. Titoli come l’irresistibile Sola come un cane, la scatenata Io ballo sola, il primo singolo Non mi pento sono “standard tipico Bertè” al 100% . E anche i testi – autobiografici e spesso dolorosi - sono pieni del suo modo di essere: vero, viscerale, senza filtri e sovrastrutture.

Colpiscono particolarmente il grido di rabbia e dolore di Mufida dedicato alla sorella Mia Martini (manifesto contro tutte le superstizioni), l’ipnotica e disperata Sto male dall’arrangiamento molto “alla Youssou N’Dour”, il secondo azzeccato singolo Strade di fuoco e la struggente Joe, dedicata agli amici che non ci sono più. Come l’amico Fabrizio De Andrè, di cui il cd ci propone la versione di Una storia sbagliata cantata in occasione del concerto - tributo a Fabrizio del 2000 (nel doppio cd “Faber. Amico Fragile” fu inserita la versione - migliore - registrata nelle prove, qui volutamente quella più sporca e imperfetta, con tutta l’emozione del momento). L’altra cover è I ragazzi italiani, storico brano di Ron, Dalla e De Gregori, che in questa versione acquista forse qualcosa in più dell’originale, diventando una sorta di disperata preghiera laica per tutti i bambini di guerra del mondo. C’è spazio poi per il demo di Delirio a 45 giri, divertissement in perfetto stile anni Sessanta a firma dell’amico di sempre Renato Zero.

E’ sostanzialmente un disco rock nel senso più tradizionale. Magari non originale, ma ben suonato e dall’arrangiamento spoglio e privo di fronzoli. Un album deciso, sfrontato, grezzo e arrabbiato come la sua interprete: una cantante che ci piace, tra l’altro, per il suo essere scomoda, senza veli, sincera, anche a costo di suscitare antipatie e di essere spesso considerata (dal distratto pubblico televisivo) un fenomeno da baraccone. Loredana Bertè: una donna che potrà avere modi duri e spesso indisponenti, ma che sa tirar fuori una dolcezza rara, che sa ancora emozionare, sorprendere e spiazzare, nella musica come nella vita. Una che si incazza con la vita e che fa spesso incazzare chi la circonda. Ma che, alla fine, se vai a guardar bene, ha quasi sempre ragione lei.
Citazione d’obbligo per il ricco sito web, rigorosamente “un-official”, di Stelle Italiane, con il suo vivacissimo forum. http://www.stelleitaliane.altervista.org/

Loredana Bertè
"Babybertè"

Nar/Edel 2006 (cofanetto special edition con libro e dvd)
nei negozi di dischi (euro 24,90)

Ascolti collegati


Ultimo aggiornamento: 08-06-2006

 
HOME