Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
AaVv: "La notte della taranta 2005"

Van De Sfroos, De Gregori, Sparagna: tarantata memorabile
di Leon Ravasi

Un solo difetto, ma credo sia limitato alla mia copia. Non c'è il libretto con i testi, la descrizione dell'evento e i nomi dei partecipanti. Per il resto è goduria allo stato brado! E' festa, è notte, è tempesta, è taranta! E' estate, è vino che scorre, sono stelle, sono palchi illuminati, sono danze, sono sogni a occhi aperti e soprattutto a orecchie aperte. L'Orchestra poolare La notte della Taranta ci regala "La notte della Taranta 2005", live da Melpignano il 27 agosto 2005. Sotto la direzione di Ambrogio Sparagna si muovono Francesco De Gregori, Piero Pelù, i Sud Sound System (per una volta in ruolo), Giovanna Marini, Davide Van De Sfroos, Sonia Bergamasco, Pino Ingrosso e Mimmo Epifani. Sedici brani tra pizziche e tarante per danzare sul cielo dell'estate intera.

Ma il difficile è spiegare. Andare oltre l'entusiasmo e raccontare: di questo inizio sincopato, di questa voce forte che si mette a recitare Dante a ritmo di musiche frenetiche del meglio della nostra tradizione meridionale e poi scoprire, sì, proprio riconoscerlo dalla voce, Francesco De Gregori, mascherato da "uomo di piazza", lui che non lo è mai stato, ad urlare terzine dantesche dentro a un microfono per una folla in festa. E questo non è che "Nel mezzo del cammin di nostra vita / Pizzicherella", ossia il primo brano, l'introduzione al lungo banchetto che durerà fino all'alba. E che ancora adesso, nel limitare di una mattinata fredda e nebbiosa di fine anno, scalda il corpo ed il cuore. Un disco che contiene l'estate!

Il disco non è che un piccolo estratto del Festival che è durato dal 12 al 27 agosto 2005 ed ha visto riuniti sotto la bacchetta magica del direttore artistico e maestro concertatore Ambrogio Sparagna suoni canti e musica di tutta l'area del Mediterraneo: dalla Demotika Okester, agli Schiattacore, dagli Zuf De Zur agli Zoé, da Uccio Aloisi agli Scazzacaterante. E poi c'era la mitica Orchestra Popolare La notte della Taranta, con De Gregori, Pero Pelù, Giovanna Marini, Van De Sfroos e gli altri che ha dato vita al concertone finale del 27 agosto, che è poi la performance finita su disco, travasata dalla piazza su disco, ma ogni volta che il disco suona la magia si compie a rovescio ed è la piazza a tracimare fuori dai solchi.

Si diceva di questo inizio da brividi: Francesco De Gregori, i versi più noti della Divina Commedia, i tamburelli indiavolati della pizzica salentina e ne esce qualcosa di irripetibile. "Nel mezzo del cammin di nostra vita /Pizzicarella": Dante da ballare! Ma ovviamente non è tutto qui: è da commozione intensa anche l'ineditomix tra Davide Van De Sfroos che canta una funambolica versione "hard" di Porta Romana, in dialetto milanese, inserita all'interno della Cesarina, canto popolare salentino, interpretato da Antonio Castrignanò. Come a significare che sia i ritmi che l'anima, che la sofferenza per il carcere sono uguali al nord e al sud d'Italia. E "Maggio" vede alla voce Piero Pelù, mai così convincente da anni. Bravissimo. Ma non dimentichiamo il coro che lo accompagna. Ancora una grande canzone. E poi ancora Van De Sfroos che ritorna nel prefinale durante la "Pizzica di Galatone" con un'inserto di filastrocca lagheé da strapparsi le mani per gli applausi.

E poi ci sono Giovanna Marini che incontra Antonio Amato in "Damme nu ricciu" e Sonia Bergamasco che interpreta una straordinaria "Donna Lubarda" (non è un errore di stampa, anche se la storiaè proprio quella di Donna Lumbarda), che a modo loro sono altre due perle estratte dal profondo di questo scrigno. Ma senza fare torto a nessuno dei partecipanti, nemmeno ai Sud Sound System che riescono a non far male inserendo la loro sempiterna "Le radici ca tieni", è proprio l'insieme dell'Orchestra a conquistare: 30-40 elementi impegnati a ottenere un tutt'uno armonico difficilissimo da realizzare, ma, contrariamente a qualsiasi stima possibile, realizzato.

E allora, al di là delle curiosità del caso, non è nemmeno importante chi canti e chi suoni ed esattamente in quale momento: è l'insieme, la koiné, l'incontro delle culture, delle voci e delle ritmiche che si condensano in un nome solo: quello di chi ha avuto il coraggio e l'incoscienza di mescolare il calderone di questi ingredienti magici e tirarne fuori un documento destinato a restare, ma prima ancora un cd destinato a suonare, a rallegrare, a far pensare: mastro Ambrogio Sparagna. E cosa si può desiderare di più?

Chiudo citando tutti i membri dell'orchestra: L’Orchestra Popolare La Notte della Taranta

Maestro concertatore: Ambrogio Sparagna

Voci: Michela Bruno, Lorena Cafueri, Alessandra Caiulo, Alessia Donno, Emanuela Gabrieli, Ninfa Giannuzzi, Stella Grande, Maria Mazzotta, Stefania Morciano, Enza Pagliara, Alessia Tondo, Antonio Amato, Antonio Castrignanò,
Emanuele Licci, Giancarlo Paglialunga,
Raffaele Pastore, Claudio Prima.

Organetti: Ilaria Birtolo, Davide Cafueri, Riccardo Cillo, Savino Conte, Antonio Cordella, Salvatore Corvaglia, Francesco Filosa, Silvia Gallone, Clara Graziano, Andrea Guarini, Monica Neri, Massimiliano Però, Raffaele Pinelli, Claudio Prima, Marisa Romano,

Fisarmonica:Marco Dell’Anna, Roberto Gemma

Tamburelli: Giuseppe Amato, Antonio Castrignanò, Roberto Chiga, Carlo De Pascali, Mauro Durante, Luigi Giannuzzi
Federico Laganà, Riccardo Laganà, Giuseppe Leone, Andrea Luperto, Michele Marulli, Giorgio Mengoli, Giancarlo Paglialunga

Arpa Giuliana De Donno, Chitarra Palmiro Durante, Emanuele Licci, Chitarra battente Giovanni Colucci, Attilio Turrisi, Mandola Mimmo Epifani , Mandola II Giuseppe Grassi, Mandoloncello Gianluca Longo, Ghironda Erasmo Treglia, Violino Francesco Del Prete, Contrabbasso Angelo Urso, Flauto/Ottavino Giorgia Santoro, Flauto/Sax c.alto Gianluca Milanese, Sax Soprano Emanuele Coluccia, Zampogna Andrea Marciano, Giulio Bianco, Marco Tomassi, Tastiera Marco Della Gatta, Basso Silvio Cantoro, Batteria Antonio Marra, Percussioni Alessandro Monteduro. Assistente musicale Antonio Marra. Consulenza testi e musiche della Grecìa Luigi Chiriatti, Gianni De Santis


AaVv
"La notte della Taranta"

Parco della Musica Record / Self - 2006
In qualche negozio di dischi


Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 01-01-2006

HOME