Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Federico Sirianni: "Dal basso dei cieli"

Dai Balcani al tex-mex, svolta che convince
di Leon Ravasi

Federico Sirianni migliora di disco in disco. Peccato ne abbia fatti solo due! Così il margine di miglioramento è molto ridotto. Ma migliorerà ancora in seguito nei dischi a venire. Perché se c'è una cosa che a Sirianni non fa difetto è la voglia di rimettersi in gioco e di non vergognarsi di appoggiarsi o ispirarsi a presenze maggiori che, in periodi diversi, possano avergli attraversato la vita.

Una di queste presenze è Max Manfredi con cui Federico ha lavorato, ha scritto canzoni o comunque le ha cantate. Max con cui Federico ha sempre in animo di fare prima o poi un intero cd di canzoni dedicate al Natale, tutte originali. Tanto per non perdere il ritmo, dopo la delicatissima "Neve" contenuta in "Onde clandestine", Federico ci delizia ora con "Melodia per occhi stanchi".

"Melodia per occhi stanchi / fuori è quasi natale / tra le guglie e i marmi bianchi della mia cattedrale / Sotto l'albero in piazza / ci dormono stretti / aspettando la grazia per santi e reietti... Resto solo stanotte / in questa notte speciale / pronto per fare a botte anche con Babbo Natale…". Una piccola chicca. Ma non è l'unico punto di contatto con Max Manfredi: "Liberaci dal mare", altra vetta del disco, deve parecchio nell'impostazione, nella capacità di giocare con le parole, nella scelta delle immagini al Max di "Danza composta". "Abbiamo lasciato alle spalle una città di davanzali / Di balconi con i fiori rossi per i rosari per i messali / Abbiamo davanti agli occhi un orizzonte da valicare / E un cuore che rabbocchi quando t'illudi di tornare / E un cuore che va a tocchi se ti prometti di non tornare".

Questo su Max. Il resto è Morricone. Come Stefano Tessadri a Milano, così Federico Sirianni, nato a Genova su un taxi, ma attivo a Torino, ha dedicato, tra le righe, il suo nuovo disco "Dal basso dei cieli", prodotto e arrangiato con Mario Congiu, non direttamente a Morricone, ma a quel clima di confine che spirava dai film western di cui il compositore romano ha curato la colonna sonora: "Per qualche dollaro in più", "Per un pugno di dollari", "Il buono, il brutto e il cattivo" e "C'era una volta il west". E' difficile ascoltare il disco, in particolare l'introduzione e la chiosa "Povre y sangre" senza vedersi davanti la polvere del deserto, i cactus che si stagliano contro le rupi del Colorado, pistoleros in azione, la polvere in gola da sciogliere con abbondanti bevute in posadas di terzo ordine, assieme a una bistecca alta tre dita con patatine, come ci hanno insegnato si debba sempre chiedere dall'Arizona al Texas, Tex Willer e i suoi fidi pards.

Sì, è un po' il mondo di Tex, con la capacità affabulatoria di Max, che Federico ci snocciola addosso: un mondo fatto di camionali, puttane, personaggi di quartiere, bozzetti sbozzati e lavorati a sbalzo, che ti saltano addosso dalla pagina scritta o dalle note di un mambo o di un valzer o di un blues, in una cavalcata esagerata che partendo dai Balcani (ebbene sė, anche qui una citazione ritorna!) , si sposta pian piano per le strade del mondo che da Torino (Texas, come tutti sanno) si approfonda fino a Genova (Messico) e anche un poco più in là.


Il mondo poetico e immaginativo di Federico Sirianni non stacca mai il piede dall'acceleratore e passando attraverso le vite improbabili di personaggi, loro sì comunque e sempre di confine, ci porta, in quindici capitoli, divisi in due tempi con un paio di bis per un totale di 53'31", a sognare un viaggio "cinematografico" attraverso epoce e generi differenti, basta che si possa tornare sempre ai deserti americani, a questo luogo ipotetico e forse solo filmico, una location per disperati che hanno bisogno di cantare forte le loro storie e le loro vite, per raccogliere almeno l'ipoteca di un'ombra di esistenza.

Non sono tutte disperate le storie di Sirianni. Fortunatamente di "Camionale" ce n'è solo una, con le sue puttane sciroccate, sfruttate e disperate. Canzone molto bella, ma dura. Musica di Morricone, testo di Mickey Spillane. Dura la musica di "Dal basso dei cieli". intesa come title track. Un malavitoso "avvoltoio" tiene testa al mondo: "Il mio nome è Avvoltoio e bevo whisky e bevo ancora / Appena sveglio al pomeriggio fino ai miei incontri con l'aurora" e ricorda da vicino, come clima e atmosfera, il "Corvo" di Davide Van De Sfroos. "Nel mio quartiere", già l'abbiamo accennato, è un pezzo molto Tom Waits, ma di grande apertura melodica e di limpida luce poetica. E' uno dei punti cardine del disco, come la "Martinitza", che pure ci riporta a Bregovic e alle atmosfere del disco precedente. Interessante, per chiudere, "Mr Dupont", canzone più francese di quanto potrebbe scrivere un francese di origine magrebina. Si parla di Parigi, ma si pensa a Marsiglia.

Insomma, non stiamo a girarci tanto attorno, Federico Sirianni ha talento e si sente. Ogni tanto gli scappa di mano e deborda, ma è un'esagerazione dettata da generosità e abbondanza. Facciamogliene grazia, come lui fa grazia a noi di un disco da ascoltare tutto d'un fiato e ripetutamente.

Federico Sirianni
"Dal basso dei cieli"

UPR - 2006


Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 13-06-2006

HOME