Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Sulutumana & Teatrogruppo Popolare : "Prinsi Raimund"

La forza narrativa delle canzoni popolari
di Leon Ravasi

Non è esattamente un disco. E' più che altro uno spettacolo teatrale. Ma ne viene fuori anche la cosa più simile a "un concept disc" che i Sulutumana abbiano mai fatto. Scherzando Giamba nel consegnarmelo ha detto "così il prossimo anno vinciamo il premio Bielle anche per l'album e non solo per le canzoni". Unitario il tema di fondo: la canzone popolare. Da nord a sud della penisola: dal Piemonte alla Sicilia, dalla Lombardia alla Sardegna, dalla Calabria alla Puglia, dalla Campagna alla Toscana.

Ci sono molte sorprese, anche per la forte presenza di brani di aree linguistiche estranee alla zona di competenza classica dei Sulu. Li avevamo sentiti alle prese con il repertorio lombardo (che per loro è un po' un ritorno alle origini), con quello spagnolo, al limite con quello piemontese, ma fa un certo effetto (positivo) sentirli alle prese con l'Ave Maria sarda ("Deus ti servet"), la stessa di De André o con "Riturnella", neanche fossero i Cantodiscanto!

L'approccio è rigoroso e l'effetto è raggiunto. Stiamo ascoltando un disco di canzoni popolari di antica o più moderna tradizione, ma ormai acclarate e universalmente conosciute (almeno nell'ambito del canto popolare). Non abbiamo ancora parlato della cornice che invece ha una sua grande importanza, anche per spiegare questa alternanza di motivi del nord e motivi del sud. Infatti non dobbiamo dimenticare, come dice correttamente anche l'intestazione del disco, che questa è "L'incredibile meravigliosa storia di Prinsi Raimund" dei Sulutumana & Teatrogruppo Popolare. Doppia intestazione come è giusto. La storia è partorita dalla penna di Giuseppe Adduci, che fa anche la voce narrante e partecipa ai cori, mentre al Teatrogruppo Popolare appartiene anche la voce femminile del disco. Cristina Bossi. I Sulutumana ci sono tutti, compresa Patrizia Bosisio (sorella di Michele) che per la seconda volta cura la grafica del gruppo (questa volta molto in tema).

La storia, si diceva: fine anni '60, anzi maggio '68 per la precisione (ma il dato è irrilevante nel contesto). Gli abitanti della Collina sfidano quelli della Valle a un duello canoro: ciascun gruppo dovrà portare tre canzoni del repertorio popolare, che farà meglio si aggiudicherà la vittoria. Però, mentre la Collna, forse più isolata, ha mantenuto integro il suo tessuto sociale, nella Valle l'immigrazione è forte e ci sono molte persone disposte a cantare, ma poco avvezze a cantare "il valzér". E così le prove vanno malissimo e nascono dissidi e litigi all'interno del gruppo, che aumentano quando si scopre che gli abitanti della "Collina" caleranno il loro asso: "L'Emilia", "praticamente Giulietta e Romeo", come afferma il narratore, una canzone così bella che può essere contrastata solo da "Prinsi Raimund". Ma non c'è niente da fare: ogni volta che intonano "Prinsi Raiumund" salta fuori una tarantella, nonostante che Berto, il capodabanda, si sgoli a dire "E' zum-pa-pa! Non pa-pa-zum !". Ma non c'è niente da fare: "quel tempo gli scappa fuori di bocca come una patata cotta nella brace". Alla gara però il canto, miracolosamente, esce corretto. Chi vinca non è dato saperlo, ma nemmeno interessa.

Quello che interessa è questo gruppo di intense canzoni popolari che troviamo riunite su un disco pieno come una zeppola di San Giuseppe (non ci sarebbe stato un solo minuto in più!) e, se vogliamo, anche la metafora (bella) di un'integrazione progressiva e progressista, nata dalla frizione tra due culture diverse. Negli anni '60, non nel pleistocene, questo contrasto era tra nord e sud Italia, oggi è tra nord e sud del mondo. Impara Pera!

Dovessimo scegliere fior da fiore saremmo imbarazzati: i Sulutumana sono bravissimi anche qui, quando giocano "fuori casa", ma sono in grado di mettere in atto una serie di contropiede che li fanno comunque vincere per 3-0. Nel repertorio meridionale mi viene da citare ancora almeno "A Diosa", canto sardo che non conoscevo.

Tra le canzoni del nord, oltre a "L'Emilia" e "Prinsi Raimund", ossia le due canzoni della sfida, non possiamo non citare "Donna Lombarda" (diversa dalla versione presente in "Angeli a perdere"), poi "La noeva", "Barbagall" e, soprattutto "La Bergera", meraviglioso canto che giustamente chiude il disco. Non vorrei poi dimenticare la deliziosa "Amor dammi quel fazzolettino" che, ignoranza mia, non sapevo fosse canto popolare toscano.

Tutta da gustare peraltro la "battaglia" canora finale, dove le due parti in causa combattono a botte di vilanelle, strambotti e rime popolari a rispetto. All'ascolto del disco viene naturale il rimpianto per non aver visto lo spettacolo, ma tutto sommato il lavoro regge anche come raccolta di canzoni. Gli interventi parlati, oltre a essere brevi, sono piacevoli e sembrano quasi canzoni aggiunte.

Se proprio volessimo chiudere con una nota meno positiva, ci sarebbe voluto maggior rigore nel separare i brani cantati da quelli parlati, perché a volte, nella semplice scansione delle tracce, il cantato arriva dopo uno/due minuti di parlato e non è quindi possibile ascoltare la canzone da sola (E' il caso della Ave Maria sarda che parte a 1'32", ma anche di Donna Lombarda che parte a 44" o di Pizzicherella che parte a 50"). Bastava far cadere la fine del solco alla fine del parlato!

Peccato decisamente minore. Resta un ottimo disco di musica popolare da tutta Italia (è fuori il Veneto rappresentato però da dialetto del "Bergamin, il personaggio più ostioso e riottoso alla mescolanza delle culture, quello che però alla fine prenderà l'iniziativa di salire per far cantare tutti assieme). Non sono i Sulutumana come li conoscete normalmente. eppure sono completamente loro per la delicatezza, la gentilezza, la magia delle voci, la mescolanza magica degli strumenti a cui ci hanno tanto bene abituato in questi 5 anni di ascolti "matti e continuati".
I Sulutumana non sono il futuro della musica italiana: sono un meraviglioso presente!

Sulutumana & Teatrogruppo Popolare
"L'incredibile meravigliosa storia di Prinsi Raimund"

Società Artistica La Corda- 2005
Sul sito o ai concerti

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 16-01-2006

HOME