Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Caparezza: "Habemus capa"

Un concept album sulla morte dell'artista: geniale sberleffo
di Giorgio Maimone

E poi c'è Caparezza. E questo è un altro film. Sarà l'età, saranno le ambizioni, sarà un altro tipo di approccio, ma Caparezza c'entra con la musica e con la musica d'autore. Il suo ultimo disco "Habemus Capa" è un lavoro coi fiocchi.

Un concept album sul tema della morte dell'artista Caparezza e della sua resurrezione, un funerale mediatico officiato secondo i riti della attuale mediocrità: 19 stazioni attraverso le quali passano tutte le tappe dell'intolleranza verso "tutta questa bella gente".

Caparezza ha tiro rock, è un musicista che usa gli strumenti: le chitarre, il banjo, trombe e tromboni, la batteria acustica e perfino un'armonica. Caparezza poi non gioca solo coi testi e con le parole ("Mors mea, tacci tua", "Torna Catalessi", con abbaiar di cani sullo sfondo, "Gli insetti del podere", "Dalla parte del toro", "Ti giri", dedicata ai Tg "che fan notizie ma che non han notizie" o "Felici ma trimoni"), il Capa gioca con se stesso, si fa personaggio, si fa interprete di razza e fa ridere e pensare quando si inerpica sull'"Inno verdano" di un "meridionale che vuole vestire di verde e urlare slogan razzistici contro se stesso": "Imbraccia il fucil, prepara il cannon, difendi il verdano dai riccioli d'or/ Espelli il negron, inforca il terron e servi il tuo popolo con fulgido amor".

"Habemus Capa" è un ghigno, è uno sberleffo, è quella risata che vi seppellirà. Il Capa non prende parte alle camarille tra rappisti, non fa freestyle, ossia l'arte degli Master of Cerimonies di improvvisare rime e recitarle con scioltezza, senza ricorrere a rime già scritte in precedenza, in cui pare sia maestro Mondo Marcio. Se ne sta per i fatti suoi a scrivere (belle) canzoni e rime geniali, in un enorme spettacolo continuato in cui recita se stesso, riuscendo, per paradosso, proprio lui che recita, a essere il più sincero e il più spontaneo dei rapper italiani.

Caparezza
"Habemus Capa"

Virgin - 2006
In tutti i negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 30-12-2005

HOME