Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Gastone Pietrucci e La Macina: "Aedo malinconico ..."

Riconsegnare i canti alla gente perché non vadano perduti
di Luca Vitali

Coerenza. Per tante persone è purtroppo solo una parola nel dizionario e nulla più: succede spesso ai politici, ma anche ai musicisti, che magari si professano grandi ammiratori di un artista o di un genere per poi far scoprire ad ogni loro uscita discografica che in realtà le loro intenzioni sono solo biecamente commerciali.

Ma ci sono anche persone che della coerenza hanno fatto uno stile di vita; è il caso di Gastone Pietrucci e de La Macina. È il dodicesimo disco in oltre trentacinque anni di carriera, il secondo volume della trilogia “Aedo Malinconico Ed Ardente, Fuoco d Acque Di Canto”.

Anche qui come nel primo volume (uscito nel 2002) l’intento è di recuperare antichi canti della tradizione marchigiana, ridare loro smalto, colore e calore, e riconsegnarli alla gente, perché non vadano perduti.

Un altro filo che lega il secondo volume al primo è la presenza di Giovanna Marini (che canta il “La Bella Leandra”, insieme a Moni Ovadia) e di Marino (che duetta con Gastone in “La Sposa Morta”) e Sandro (alla chitarra elettrica in “Bello Lo Mare E Bbella La Marina…”) Severini.

Con i fratelli Severini, anzi, con i Gang (qui compaiono anche Francesco Caporaletti al basso in cinque brani e Fabio Verdini, ex tastierista dei Gang, piano e hammond in tre canzoni), Gastone e La Macina hanno pubblicato in condivisione nel 2004 lo splendido “Nel Tempo E Oltre, Cantando”, dove la tradizione si sposava perfettamente con il rock.

Ma ci sono anche un paio di novità, con ospite ancora Moni Ovadia, e in un certo senso sono due “tradimenti”: uno è “Pan Pentito”, che arriva dalla Toscana, dal repertorio di Dodi Moscati; l’altro è “Unter Dayne Vaise Shtern”, canto della tradizione Yiddish scritto da Sutskever e Broda, tradotto letteralmente da Gastone in “Sotto La Tua Bianca Stella”.

Donne che muoiono per amore, canti di emigrazione, di lavoro, di guerra, di ragazze rapite che diventeranno regine: Adriano Taborro, Marco Gigli, Michele Lelli, Roberto Picchio e Giorgio Cellinese, qua e là aiutati da Federico Mondelci al sax, accompagnano Gastone Pietrucci nelle dodici storie, dodici canzoni che compongono l’album; anzi tredici, perché c’è una ghost-track nella quale, nella prima parte c’è ospite Allì Caracciolo perché “…abitare una traccia fantasma è il luogo deputato della poesia…”.



Gastone Pietrucci e La Macina
"Aedo malinconico ed ardente, fuoco ed acque di canto - Vol.2"

Storie di note - 2006
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati


Ultimo aggiornamento: 17-09-2005

HOME